Migranti, nuova strage in mare: 34 morti, "molti bambini"

3' di lettura

Un barcone con a bordo almeno 500 persone si è rovesciato a circa 30 miglia dalle coste libiche. Operazioni di soccorso condotte dalla Guardia Costiera. Le persone salvate sono circa 1800. Ong denunciano spari su gommoni durante un soccorso

Trentaquattro le vittime al momento accertate del tragico naufragio nel Mediterraneo centrale. Lo rende noto la Guardia costiera impegnata a coordinare nella sola giornata di mercoledì 24 maggio molte operazioni di salvataggio. Sono circa 1800, invece, i migranti tratti in salvo in dieci distinte operazioni coordinate dalla Centrale operativa di Roma.

Naufragio, bambini tra le vittime

Tra le unità soccorse, quella naufragata si è ribaltata in mare a causa di uno sbandamento causato dalle condizioni meteomarine e dallo spostamento repentino dei migranti su un fianco dell'imbarcazione: circa 200 persone sono cadute in mare dal barcone con circa 500 migranti a bordo. L'immediato intervento delle navi Fiorillo della Guardia Costiera e Phoenix del Moas ha consentito di trarre in salvo la maggior parte delle persone cadute in acqua; 34, invece, i corpi senza vita recuperati in mare dai soccorritori.

"Un'altra tragedia alle porte dell'Europa" scrive su Twitter Chris Catrambone, fondatore dell'ong maltese Moas, impegnata nei soccorsi insieme ala Guardia costiera. "Tra le vittime -  scive -  ci sono almeno 10 bambini".

Almeno 15 operazioni di soccorso

Le favorevoli condizioni meteo hanno determinato oggi un consistente esodo di migranti dalla Libia verso l'Italia. La Guardia Costiera ha infatti coordinato almeno 15 operazioni di soccorso nei riguardi di circa 1.800 persone. I migranti soccorsi si trovavano a bordo di 4 gommoni e 6 unità in legno. Alle operazioni hanno preso parte nave Fiorillo della Guardia Costiera, nonché le motovedette CP 288, 303 309 della Guardia Costiera, nave Libra della Marina Militare italiana, le navi Echo (Gran Bretagna), Protector (Gran Bretagna) e Canarias (Spagna) inserite nel dispositivo Eunavfor Mer e le navi, appartenenti alle Ong, Phoenix (Moas) e Vos Prudence (Medici senza Frontiere), più un rimorchiatore e tre mercantili. 

Ong denunciano spari su gommoni durante un soccorso

E arriva la denuncia della ong Medici senza frontiere (Msf), che accusa la Guardia costiera libica di aver minacciato, sparando in aria, i migranti a bordo di un barcone in difficoltà e di aver quasi causato il rovesciamento dell'imbarcazione. La denuncia, che segue quella fatta da Amnesty contro l'Italia riferita a un episodio avvenuto il 10 maggio scorso, è relativa a una operazione di soccorso avvenuta iil 23 maggio: la guardia costiera libica, spiega Msf, "si è avvicinata a dei barconi in difficoltà, ha minacciato le persone a bordo e ha sparato dei colpi in aria, mettendo in pericolo la vita delle persone e scatenando il panico". 


 

Leggi tutto