Migranti, sbarchi record. Unhcr: oltre 6mila verso Italia nel weekend

3' di lettura

Da inizio anno più di 43mila persone hanno attraversato il Mediterraneo. Sabato soccorsi circa 3.000 immigrati in più di 20 operazioni di Guardia costiera, Marina militare e navi di Frontex e Ong. Molte donne in gravidanza e diversi segni di violenze sui sopravvissuti

Sono oltre seimila i migranti arrivati dalle coste della Libia nei porti italiani da venerdì ad oggi: un weekend con sbarchi record da Pozzallo a Reggio Calabria, da Catania a Messina. Numeri confermati anche dall'Unhcr secondo cui da inizio anno sono oltre 43mila le persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo. "Questi arrivi massicci e il fatto che più di 1.150 persone siano scomparse o abbiano perso la vita nel tentativo di raggiungere l'Europa dall'inizio dell'anno, dimostrano come il salvataggio in mare sia ora più cruciale che mai", ha commentato l'Alto commissario per i rifugiati Filippo Grandi.

Gli aiuti in mare

In mare per i soccorsi ci sono la Guardia costiera, la Marina militare, le navi di Frontex e quelle delle Ong, al centro delle polemiche per presunti contatti con i trafficanti al centro di un’inchiesta della Procura di Trapani e delle dichiarazioni del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro.

Gli arrivi a Reggio Calabria

Stamattina a Reggio Calabria è arrivata la nave "Acquarius" di SOS Mediterranée e Medici Senza Frontiere, con a bordo 731 migranti tra cui 87 donne, di cui 15 in stato di gravidanza, e 116 minori, 80 dei quali non accompagnati. Alcuni dei migranti, hanno fratture e traumi di vario tipo provocati dai maltrattamenti subìti prima e durante il viaggio. Inoltre il personale medico ha rilevato due casi di sospetta tubercolosi e 41 di scabbia, che sono stati trattati nelle tende di decontaminazione allestite sulla banchina del porto dalla Protezione civile regionale.

682 migranti a Messina

A Messina sono arrivati poco dopo le 13.00 altri 682 migranti a bordo della nave militare spagnola Canarias: alcuni di loro verranno trasportati in centri di accoglienza fuori dalla Sicilia. Anche in questo caso ci sono diverse donne in stato di gravidanza.

Sabato soccorse 3.000 persone

Nella giornata di sabato sono stati circa 3.000 i migranti soccorsi nel Mediterraneo in più di 20 operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera di Roma, e lo stesso era stato venerdì. Ieri nella tarda serata a Pozzallo sono arrivate 407 persone, recuperate dal pattugliatore Fiorillo in un'operazione di salvataggio nel Canale di Sicilia, e sempre nel porto del Ragusano sono attesi oggi altri 300 migranti. È di ieri anche l’arrivo della nave Phoenix di proprietà della Ong maltese Moas, approdata a Catania con a bordo 359 immigrati e il cadavere di un 21enne della Sierra Leone ucciso a colpi di pistola da uno scafista.

I numeri

Secondo il ministero dell’Interno, dal 1 gennaio al 5 maggio 2017 sono sbarcati in Italia 37.253 migranti, con un +29,76% rispetto allo stesso periodo del 2016, quando arrivarono 28.710 persone. Nel 2016 erano arrivate in totale 181.436 persone.

A Milano presunto suicidio di un immigrato

A Milano, intanto, un uomo, probabilmente di origini africane, è stato trovato impiccato sul muro laterale esterno della Stazione Centrale ed è morto poco dopo il trasporto in ospedale. L’uomo era privo di documenti. L'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino ha dichiarato che si sarebbe trattato di un suicidio. Palazzo Marino ha precisato che il giovane non era conosciuto dalle strutture del Comune.

Speciale migranti: tutti i video
Guarda tutti i video

Data ultima modifica 07 maggio 2017 ore 17:19

Leggi tutto