Treviso, radiato dall’Ordine il primo medico anti-vaccini

3' di lettura

“Deve essere un segnale per tutti”, ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi a proposito della decisione sul cardiologo Roberto Gava

L’Ordine dei medici di Treviso ha radiato il primo medico anti-vaccini., il cardiologo Roberto Gava. Ad annunciarlo con un tweet il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, che ha definito la decisione: “Un passaggio importantissimo”.

"Grazie all'ordine dei medici, comportamento coraggioso"

"Grazie a Ordine medici Treviso per aver radiato primo medico per il suo comportamento non etico e antiscientifico nei confronti dei vaccini", si legge nel tweet di Ricciardi, che poi ha commentato: “Deve essere un segnale per tutti i medici che non si comportano secondo la deontologia. In tutti i Paesi del mondo seri si agisce così, visti i danni che queste posizioni possono provocare la radiazione è una misura più che giustificata. In Italia stiamo vedendo gli effetti delle campagne contro i vaccini, con i tassi di copertura che sono crollati". E ha aggiunto: "Il comportamento dell'Ordine, così come quello degli altri che stanno procedendo in modo simile e della presidente della Federazione Chersevani, va apprezzato per coraggio ed etica”.

 

 

Avvocati: radiato solo per le sue idee

Il dottor Roberto Gava, radiato dall'Ordine dei medici di Treviso per le sue posizioni contro i vaccini, "è stato condannato soltanto per le sue idee, idee ben fondate sull'esigenza di personalizzazione di ogni vaccinazione per prevenire i gravi pericoli e i vari danni da vaccino ai singoli pazienti, contro la vaccinazione indiscriminata di massa". Lo affermano in un post sul profilo Facebook del medico i suoi avvocati, Silvio Riondato e Giorgio Piccolotto.

"In mancanza della motivazione che ritarda rispetto alla divulgata notizia sulla sanzione della radiazione inflitta al dottor Roberto Gava dall'Ordine dei medici di Treviso, la Difesa del dottor Gava - scrivono - nota che la radiazione è conforme alle attese fin dalle primissime fasi del procedimento, perché già allora il Presidente dell'Ordine Luigino Guarini ha comunicato a più persone che il procedimento contro Gava sarebbe stato un 'processo a Galileo Galilei', il quale com'è noto è stato ingiustamente e pesantemente condannato, come ora capita al dottor Gava".

“Violato codice deontologico”

"È evidente che la commissione etica formata da 15 persone, per quanto riguarda Treviso, ha ritenuto che sia stato violato il codice deontologico, ma qui mi fermo". Così Luigi Guarini, presidente dell'Ordine dei Medici di Treviso. "Non posso commentare, c'è il segreto istruttorio. Seguo la cosa sui social, ma mi limito a leggere, vedo che parlano i legali di Gava e a loro lascio i commenti".

Chi è Roberto Gava

Roberto Gava, medico 59enne, espulso dall'Ordine di Treviso per la sua presunta posizione anti-vaccini, si è laureato in Medicina e chirurgia all'Università di Padova, specializzandosi poi in cardiologia, farmacologia clinica e tossicologia medica, per poi perfezionarsi in agopuntura cinese, omeopatia classica, bioetica. Sul proprio sito web, spiega di aver svolto più di dieci anni di lavoro in ambiente universitario, e di essere autore di due libri di farmacologia e numerose pubblicazioni scientifiche. Da una ventina d'anni, Gava sta cercando "di studiare gli approcci medici non convenzionali, rivedendoli anche alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, essendosi convinto che il medico deve aprirsi a molte tecniche terapeutiche scegliendo di volta in volta per il suo paziente quella più appropriata".

Leggi tutto