Budrio, barista ucciso durante un tentativo di rapina

2' di lettura

Nel Bolognese un malvivente armato di fucile e pistola ha sparato dopo una colluttazione uccidendo il titolare 52enne prima di darsi alla fuga. Ferito di striscio anche uno dei clienti presenti nel locale.

Un barista di 52 anni, Davide Fabbri, è stato ucciso a colpi di pistola durante un tentativo di rapina nel suo locale nella frazione Riccardina di Budrio, in provincia di Bologna. Secondo le prime ricostruzioni il rapinatore aveva il volto coperto, era vestito con qualcosa di simile ad una tuta mimetica ed era armato di fucile e pistola.

La dinamica dell'uccisione
- Il rapinatore è entrato chiedendo soldi. Fabbri ha reagito, riuscendo quasi a strappare il fucile dalle mani del malvivente. In questa circostanza è partito un colpo, verso il pavimento, e uno dei pallini dell'arma da caccia ha ferito lievissimamente, di striscio, uno dei due avventori presenti nel locale. Il bandito ha estratto allora una pistola e ha sparato al petto di Fabbri un solo colpo, uccidendolo all'istante, per poi fuggire, almeno per la prima parte della fuga, a piedi e da solo, anche se non e' escluso che nei paraggi potesse esserci un complice in attesa, con un mezzo di trasporto. Allo scopo si stanno analizzando le telecamere a circuito chiuso della zona. Anche la moglie del barista, rimasta sotto choc ma illesa, è stata minacciata dal rapinatore che poi è riuscito a dileguarsi a piedi. Sono in corso le ricerche per capire se il criminale abbia agito da solo o con la complicità di altre persone.  
 

A Budrio dopo la rapina è caccia all'uomo - E' scattata una caccia all'uomo nella zona, che vede coinvolte tutte le forze dell'ordine, come ha scritto sul suo profilo Facebook il sindaco Giulio Pierini, denunciando il "fatto di efferatezza e una gravità inaudite per Budrio e per qualsiasi altro territorio". 

Data ultima modifica 02 aprile 2017 ore 11:58

Leggi tutto