Coldiretti: "A Milano -96% di piogge". Scattano nuove misure anti-smog

1' di lettura

Secondo i dati territoriali Ucea della seconda decade di febbraio, il Nord Italia è colpito dalla siccità. E nel capoluogo lombardo si contrastano gli alti livelli di Pm10 con lo stop ai veicoli più inquinanti e il limite dei 19 gradi in abitazioni e negozi

È iniziata la lotta di Milano contro le polveri sottili. In città, sono entrate in vigore le misure straordinarie previste dal “Protocollo regionale sulla qualità dell’aria”, dopo sette giorni consecutivi di superamento del limite di Pm10 (anche se ieri, sabato 25 febbraio, i valori sono scesi sotto la soglia) e dopo l'allarme lanciato da Coldiretti sulla siccità che sta colpendo il Nord del Paese.

 

L'allarme siccità di Coldiretti - Coldiretti, basandosi sui dati territoriali Ucea relativi alla seconda decade di febbraio, ha lanciato un nuovo allarme per il Nord Italia sulla siccità. Nelle campagne è caduto l'85% di pioggia in meno rispetto alla media, con punte che toccano il -96% a Milano e che hanno fatto scattare proprio le misure straordinarie che prevedono anche un parziale blocco del traffico. Le anomalie interessano tutto il Nord, dal Piemonte, con un -83% di piogge, al Veneto, dove si arriva al -92%. L’anomalia climatica, per Coldiretti, è percepibile anche dalle alte temperature con massime che al Nord sono aumentate di 1,5 gradi rispetto alla media. 

 

 

Le restrizioni per i veicoli - Lo stop a Milano interessa i veicoli Euro 0 benzina e Euro 0, 1 e 2 diesel, nelle giornate di sabato, domenica e festivi, dalle ore 7.30 alle ore 19.30. Le autovetture private Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato non potranno circolare nelle zone urbane dalle ore 9 alle ore 17, mentre i veicoli commerciali Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato saranno bloccati dalle 7.30 alle 9.30.

 

I provvedimenti per il riscaldamento - Il Comune ha deciso di agire anche ridimensionando i riscaldamenti nelle abitazioni e nei negozi. È stato  introdotto il limite a 19° C, con tolleranza di 2° C, per le temperature medie nelle abitazioni e negli esercizi commerciali. Non potranno essere utilizzati impianti domestici alimentati a biomassa legnosa al di sotto della classe 3 stelle, in base alla classificazione ambientale individuata da Regione Lombardia. Inoltre, è vietata ogni tipologia di combustione all'aperto. Tutti i provvedimenti saranno sospesi solo dopo due giorni consecutivi sotto i limiti di 50 microgrammi al metrocubo. 

Leggi tutto