Torino, 'ndrangheta: arrestato a Barcellona, scarcerato per un cavillo

Piemonte

Contro di lui, sul mandato europeo di cattura, c'erano vari reati che andavano dallo traffico internazionale e l'usura. Proprio quest'ultimo è stato inserito in Spagna in un elenco di reati per cui non si va in carcere

Arrestato sabato scorso dopo due anni di latitanza a Barcellona, in un'operazione congiunta tra la squadra mobile di Torino e la polizia spagnola, V.R. è stato scarcerato. Il boss della 'ndrangheta, con alle spalle una condanna a 20 anni in primo grado, è stato liberato a 48 ore dall'arresto per un cavillo da un giudice spagnolo.

Il cavillo

Contro di lui, sul mandato europeo di cattura, c'erano vari reati che andavano dallo traffico internazionale e l'usura. Proprio quest'ultimo - come anticipato sulle pagine locali del quotidiano La Stampa - è stato inserito in Spagna in un elenco di reati per cui non si va in carcere. 

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24