Torino, si presenta in un ufficio del Comune con un machete: espulso

Piemonte

La denuncia è scattata per possesso ingiustificato di strumento atto a offendere e resistenza a pubblico ufficiale. In seguito il questore ha notificato al 29enne l'ordine di abbandono del territorio nazionale

Si era presentato in un ufficio del Comune a Torino con un machete infilato nei pantaloni: per questo un 29enne nigeriano è stato espulso dal territorio nazionale per ordine della questura cittadina. L'episodio è avvenuto due settimane fa.

La vicenda

Secondo quanto ricostruito, il ragazzo - privo di documenti - voleva sbrigare delle pratiche allo sportello dell'ufficio stranieri in via Bologna. Con sé, solo in parte nascosto dalla maglietta, aveva un machete dentato di 51 cm. E' stato bloccato da agenti della polizia municipale, allertati dai dipendenti del Comune, e portato in una cella di sicurezza del Comando per le procedure di identificazione. A quel punto però l'uomo ha reagito procurando leggere lesioni a un agente. E' stato denunciato per possesso ingiustificato di strumento atto a offendere e resistenza a pubblico ufficiale. In seguito il questore gli ha notificato l'ordine di abbandono del territorio nazionale.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24