Incendia capannone della ditta di famiglia nel Torinese: condannato

Piemonte

Il fatto risale alla notte tra sabato 9 e domenica 10 novembre scorso. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, l'imputato, a seguito di contrasti con i familiari, avrebbe voluto così punire il fratellastro 

E’ stato condannato a due anni e due mesi di carcere Alessandro Vittone, il 40enne accusato di aver appiccato il fuoco al capannone della ditta di famiglia "Vittone srl" (azienda di riparazione di macchine agricole) a Riva presso Chieri, nel Torinese, nel novembre scorso. L'uomo, giudicato con rito abbreviato, non ha ottenuto la sospensione condizionale della pena.

La vicenda

Il fatto risale alla notte tra sabato 9 e domenica 10 novembre 2019. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, l'imputato, a seguito di contrasti con i familiari, avrebbe voluto con il suo gesto punire il fratellastro. Quest’ultimo insieme alla madre si è costituito parte civile e i due hanno ottenuto il riconoscimento di un danno morale pari a cinquemila euro ciascuno. L'accusa in aula è stata sostenuta dal pm Patrizia Gambardella. 

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24