Scontri a Torino, corteo antagonista per protestare contro gli arresti

Piemonte

I manifestanti, per la maggior parte anarchici e qualcuno esponente del centro sociale Askatasuna, sono partiti dal Campus Einaudi e hanno raggiunto piazza Baldissera. In Lungo Dora Firenze hanno imbrattato i muri della sede Eni e delle Poste con numerose scritte 

Questo pomeriggio, a Torino, si è svolto un corteo per protestare contro i tre arresti in seguito agli scontri di giovedì 13 febbraio al Campus Einaudi tra polizia e antagonisti, durante un volantinaggio organizzato dal Fuan (gruppo universitario vicino a Fratelli d'Italia) contro un convegno sulle foibe. Nella giornata di ieri, invece, si sono susseguiti i blitz negli uffici del rettorato, in via Verdi, e nell'aula universitaria affidata all’ente studentesco di destra, che è stata occupata.

Il corteo

I manifestanti, per la maggior parte anarchici e qualcuno esponente del centro sociale Askatasuna, sono partiti dal Campus Einaudi e hanno raggiunto piazza Baldissera, dove hanno bloccato il traffico per alcuni minuti. In Lungo Dora Firenze, invece, hanno imbrattato i muri della sede dell'Eni e delle Poste con numerose scritte, quali "Digos boia" o "Fasci appesi". I partecipanti al corteo hanno poi esposto uno striscione: "Fuori fascisti e polizia dall'università e dai quartieri".  

Torino: I più letti