Torino, cannabis light: nasce il comitato dei negozianti

Piemonte
Foto di archivio (Getty)

Dopo le dichiarazioni del ministro dell'Interno Salvini e la sentenza della Cassazione di fine maggio, produttori e venditori di marijuana legale si sentono al centro di controlli eccessivi

Dopo le dichiarazioni del ministro dell'Interno, Matteo Salvini e la sentenza della Cassazione di fine maggio, molti produttori e venditori di prodotti a base di cannabis light si sentono al centro di controlli eccessivi, sequestri e denunce per spaccio, azioni, sostengono i commercianti, che minano la loro attività imprenditoriale. Per questo a Torino una trentina di negozianti ha costituito un comitato spontaneo, il Comitato lavoratori e imprese della canapa (Clic), per chiedere un incontro con le autorità.

Le parole del Comitato

"Le forze dell'ordine non hanno una linea comune da seguire", afferma l'avvocato Gianluca Visca, che assiste alcuni negozianti del comitato. "Vogliamo un incontro con le istituzioni", dichiara Fabio Cavrini, uno dei negozianti che hanno costituito il Comitato. In particolare, vorrebbero parlare a questore, prefetto, procuratore, ma anche con gli assessori alla Sicurezza e al Commercio della Città di Torino: "I legislatori ci metteranno anni a decidere. Le autorità ci vengano incontro", dice ancora Cavrini.

I controlli ai commercianti

Secondo i membri del Comitato, a Torino i controlli sulle attività legate alla coltivazione e alla vendita di prodotti a base di cannabis light sono molto severi. "Percepisco un atteggiamento intimidatorio", afferma uno dei rappresentanti dell'associazione, Fabio Cavrini. Marco Mirabelli, 26 anni, ha aperto il suo negozio a San Salvario tre anni fa ed è stato uno dei primi a subire i controlli dopo la sentenza. "Ai primi di giugno ho subito un sequestro e una denuncia per spaccio - racconta il titolare di Miracanapa Hemporium - Mi hanno detto che posso vendere solo prodotti con Thc (il principio attivo, ndr) pari a zero". La legge 242 del 2016 consente la vendita di prodotti con Thc fino allo 0,6 per cento, ma dopo la sentenza della Suprema corte c'è molta incertezza e discrezionalità.

I sequestri

Marco Paviotti è il titolare di CbWeed e ha subìto un sequestro: "Martedì scorso due agenti hanno preso merce per 600 euro, metà del magazzino". Per la campionatura destinata alla analisi a una coltivatrice, invece, sono stati sequestrati 800 grammi di prodotto dal valore ingente: "Bastava una piantina per ogni lotto", dice l'avvocato Gianluca Visca.

La posizione del Comitato

Il Comitato ricorda che ogni prodotto è tracciato e analizzato dal produttore al negoziante. La loro, ribadiscono coltivatori e commercianti, è un'economia legale su cui pagano tasse. "Siamo imprenditori e vorremmo essere trattati come persone civili", aggiunge Marco Balloco del negozio Cannabitx.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24