Torino, minacce via Twitter a leader No Tav: PM chiede sei mesi

Piemonte
Foto di Archivio (Agenzia Fotogramma)

Il processo si riferisce a un episodio del 2014, quando l'imputato, un 56enne all'epoca domiciliato a Susa, aveva scritto sui social "Perino muori sotto il Tgv"

La Procura di Torino ha chiesto sei mesi di reclusione per un uomo accusato di aver minacciato via Twitter il leader storico del movimento No Tav della Valle di Susa, Alberto Perino. Il processo si riferisce a un episodio del 2014, quando l'imputato, un 56enne all'epoca domiciliato a Susa, aveva scritto sui social "Perino muori sotto il Tgv". Questo è quanto avevano appurato le indagini. Oggi in aula l'avvocato Stefano Bertone, per conto del suo assistito, ha chiesto un risarcimento di 3mila euro. 

Richiesta di archiviazione

La Procura ordinaria aveva chiesto di archiviare il caso, ma dopo una istanza dell'avvocato di parte civile, Stefano Bertone, l'Avvocatura generale aveva avocato il procedimento e aveva ordinato il processo. 

Richiesta di archiviazione

La Procura ordinaria aveva chiesto di archiviare il caso, ma dopo una istanza dell'avvocato di parte civile, Stefano Bertone, l'Avvocatura generale aveva avocato il procedimento e aveva ordinato il processo. 

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24