Torino, sequestrati 70mila botti nascosti in toilette e magazzini

Piemonte
botti_capodanno_2

Precarie erano anche le misure antincendio: i dispositivi di spegnimento non erano prontamente disponibili. Due imprenditori sono stati denunciati

La guardia di finanza ha sequestrato circa 70mila fuochi d’artificio a Torino. I botti erano accatastati in maniera approssimativa, occultati nel retro dei locali o, addirittura, nascosti all’interno delle toilette. Due imprenditori di origine cinese sono stati denunciati e ora rischiano fino a un anno di carcere. L'operazione è il seguito del maxisequestro effettuato nei giorni scorsi dalle Fiamme Gialle in alcuni depositi clandestini.

Il sequestro

Il sequestro è avvenuto in due store gestiti da imprenditori di origine cinese situati a Torino, nei pressi di via Livorno, nel quartiere Borgo Vittoria e in un emporio ubicato all’interno di un noto centro commerciale di Beinasco, comune della cintura torinese. Nei locali erano precarie anche le misure antincendio. I dispositivi di spegnimento infatti non erano prontamente disponibili. Diverse le tonnellate di fuochi pirotecnici rinvenuti, che nei prossimi giorni verranno fatti brillare dagli artificieri. Sono ora in corso le verifiche per accertarne la provenienza.
 

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.