Torino, soffocò il fratello: assolta per incapacità di intendere

Piemonte

La donna, 65 anni, nel 2017 aveva soffocato il fratello e tentato di uccidere il padre. Socialmente pericolosa, ora è stata portata in una struttura protetta 

Assolta dal tribunale di Ivrea perché incapace di intendere e di volere e, quindi, non imputabile. Si è chiuso col rito abbreviato il procedimento a carico di Cristina Mattioda, 65 anni, che nella notte tra l'11 e il 12 novembre 2017 soffocò con un sacchetto di plastica il fratello Mauro, 60 anni, e tentò di uccidere l'anziano padre nella villa di famiglia a Spineto, frazione di Castellamonte, in provincia di Torino.

La perizia psichiatrica

La perizia psichiatrica disposta dal giudice Stefania Cugge ha confermato che la donna, assistita dall'avvocato Franco Papotti, era incapace d'intendere e di volere al momento dell'omicidio. Tuttavia la 65enne è stata ritenuta socialmente pericolosa e dovrà quindi proseguire un percorso terapeutico nella struttura protetta che l'ha presa in carico dopo il delitto.  

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.