Piccolo, compatto, facile da usare: DJI Mini 3 Pro, il drone per tutti

NOW

Daniele Semeraro in collaborazione con Eric Cervi

Abbiamo provato una delle ultime novità in casa DJI: un drone che non necessita di patentino perché dal peso inferiore ai 250 grammi. Super-stabilizzato, dalle ottime immagini e con tante funzionalità innovative

DJI, brand specializzato in droni e stabilizzatori, qualche mese fa ha lanciato il suo nuovo drone Mini 3 Pro, che si caratterizza per dimensioni molto ridotte, una fotocamera potente e una grande semplicità di utilizzo. Noi abbiamo provato a lungo il drone nel Piacentino, all’interno dell’Azienda agrituristica “La Favorita”. Ecco le caratteristiche principali e i risultati dei nostri test.

Le caratteristiche principali

DJI Mini 3 Pro da fuori sembra la versione “rimpicciolita” di un tradizionale drone DJI, con cui condivide anche la stessa combinazione di colori: corpo grigio chiaro, eliche grigio scuro. Quello che colpisce da subito del Mini 3 Pro è il peso: solo 249 grammi, il che lo rende anche adatto a un utilizzo più “libero” e meno regolamentato rispetto ai droni tradizionali che pesano più di 250 grammi. Quando le braccia sono piegate Mini 3 Pro ha praticamente lo stesso ingombro di uno smartphone ed è possibile trasportarlo in una borsa, in una tasca larga o portarlo semplicemente in mano. Al momento dell’acquisto è possibile scegliere tra il controller classico (un morsetto a molla al cui interno si installa il proprio smartphone) oppure il controller con display (che abbiamo ricevuto in prova). Il software è praticamente identico ma il vantaggio di un controller con display è che si tratta di un apparecchio dedicato alla gestione del volo; inoltre nel controller è presente un alloggiamento al cui interno è possibile installare una scheda di memoria. 

DJI Mini 3 Pro durante la nostra prova sulle colline piacentine
DJI Mini 3 Pro durante la nostra prova sulle colline piacentine

La guida e le funzionalità

NOW

Tutti gli approfondimenti della rubrica di innovazione e tecnologia

Imparare a utilizzare il drone è davvero un gioco da ragazzi (l’importante è farlo - come abbiamo fatto noi - in grandi spazi aperti, con pochi ostacoli come alberi o edifici e,, soprattutto le prime volte, senza persone o animali che possano entrare, anche lontanamente, a contatto il con il drone). Mini 3 Pro è dotato di un sensore fotografico da 1/1,3 pollici che rappresenta un enorme passo avanti rispetto alla generazione precedente: La registrazione video arriva adesso alla qualità 4K 60fps con bitrate massimo fino a 150 Mbps e supporto nativo alla codifica H.265; per quanto riguarda invece la fotografia Mini 3 Pro scatta ottime immagini da 48 megapixel. Il drone ha anche la capacità di ruotare la fotocamera di 90 gradi per scattare foto e video verticali (molto utili per la condivisione sui social).

 

All’interno del drone troviamo 1,2 GB di memoria interna che però può contenere soltanto 100 secondi di video in alta qualità quindi è sempre meglio inserire una scheda di memoria. Tra le tipologie di guida: MasterShots è un gruppo di manovre di volo automatizzate che Mini 3 Pro esegue acquisendo video, offrendo poi all’utente una sorta di film di qualità cinematografica; FocusTrack consente di tracciare e seguire i soggetti. Ci sono poi l’effetto Hyperlapse e il Digital Zoom. Non poteva mancare, infine, il rilevamento degli ostacoli tridirezionale (grazie a doppi sensori anteriori, posteriori e inferiori) e il sistema di pilotaggio assistito APAS 4.0 che rileva gli oggetti nella traiettoria del velivolo in tempo reale. 

La nostra prova, disponibilità e prezzi

Durante la nostra prova, in una giornata abbastanza ventosa, abbiamo riscontrato che il corpo leggero del Mini 3 lo rende un po’ più esposto alle raffiche di vento più forti (anche se il gimbal integrato fa bene il suo lavoro). Abbiamo gradito molto invece le funzioni di stabilizzazione, rinnovate rispetto alla versione precedente: adesso offrono un raggio di rotazione più ampio per la realizzazione di scatti da basse angolazioni. Buono rispetto al modello precedente il tempo di volo che è di circa 34 minuti (in aggiunta è possibile anche acquistare una “Flight Battery Plus” che allunga il tempo di volo fino a 47 minuti - ma fa pesare di più il drone); la ricarica completa impiega circa un’ora. Piccolo punto dolente invece, a nostro avviso: durante la prova abbiamo riscontrato che la luminosità del controller con display non è molto alta (solo 700 nits) e in condizioni di forte illuminazione risulta poco visibile. Al termine della nostra recensione possiamo certamente affermare che Mini 3 Pro è il drone ideale per iniziare ad avvicinarsi al mondo delle riprese aeree grazie alla sua semplicità di utilizzo e alle funzionalità di sicurezza. Il marchio DJI è distribuito in Italia da Nital, il prezzo di listino di DJI Mini 3 Pro è di 839 euro (1.009 euro per il modello con il radiocomando con display, 749 euro senza alcun radiocomando).

Pro e Contro

PRO

  • Piccolo e leggero
  • Ottima fotocamera
  • Modalità di volo intelligenti

CONTRO

  • Memoria interna insufficiente
  • In giornate di sole la luminosità del controller con display è risultata troppo bassa

Tecnologia: I più letti