Il Podcast dalla nicchia alla massa

NOW

John Pedeferri

Festival del Podcasting, Assipod

Centinaia di speaker hanno partecipato alla sesta edizione del Festival del Podcasting, una due giorni dedicata alla nuova frontiera del digital audio. Si è parlato anche dei podcast nativi prodotti dalla redazione di Sky Tg24

Non è la radio, non sono i social, non è soltanto internet, non sono i webinair, le conferenze in pubblico o i libri da leggere. Niente di tutto questo ma, al tempo stesso, qualcosa che li contiene tutti. Sono i podcast. Piacciono sempre di più, crescono sempre di più. Da fenomeno di nicchia del digital audio riservato a pochi appassionati di materie o eventi specifici, stanno diffondendosi a macchia d'olio e sono in molti ad averne compreso le grosse potenzialità economiche. Quello che gli esperti della comunicazione definiscono uno strumento a cui si accede in modalità "pull" - ovvero chi è interessato si va a cercare il contenuto desiderato in rete o sulle piattaforme dedicate - nel giro di poco tempo potrebbe trasformarsi in fenomeno "push", che non si cerca ma a cui si è spinti da pubblicità e marketing. Non più un mezzo di nicchia ma finalmente di massa. Perché ciò avvenga servono i numeri, i grandi numeri. E quelli, a quanto pare,  stanno arrivando. 

festival podcasting

Ipsos Digital Audio Survey 2021

Qualcosa si muove. Dopo il boom del 2020 la crescita del podcast continua. Lo confermano i dati della ricerca Ipsos Digital Audio Survey 2021. L'ascolto dei podcast raggiunge nel 2021 quota 31% tra i 16-60enni (circa 9,3 milioni di persone), con una crescita lieve ma che consolida la tendenza positiva registrata lo scorso anno (nel 2020 i podcast avevano visto un balzo di ben 4 punti percentuali, passando dal 26% al 30%) e questo conferma il fatto che la diffusione del format è un frutto stabile e non transitorio del processo di digitalizzazione avvenuto nel contesto pandemico. Inoltre altri dati confermano che il format resta marcatamente giovane (44% di under 35), ma nel 2021 crescono anche i target adulti, laureati (27%) e professionisti (13%). Lo smartphone si rafforza ancora come dispositivo più usato per ascoltare podcast (79%), il computer (43%) resta al secondo posto, ma in calo, così come i tablet (26%). Il luogo elettivo di ascolto rimane decisamente la casa (81%), seguita a distanza dalla macchina (29%) e dall’ascolto in strada/camminando (23%), mentre la fruizione sui mezzi di trasporto (19%) è ancora in calo (coinvolgeva il 26% degli utenti nel 2019), probabile frutto dell’impatto della pandemia sulla mobilità.

Milano, Le Village CA

Il Festival del Podcasting

Si è tenuta a Milano la sesta edizione del festival del podcasting. Quest'anno a causa della pandemia il festival si è articolato in due giorni e non tre. Un giorno totalmente on line e uno in presenza presso il Le Village by CA. Sostenuto e promosso dall’Assipod - Associazione Italiana Podcasting - l’evento ha coinvolto professionisti e appassionati della cultura dell’audio nella comunicazione. Il podcast, sostengono gli organizzatori del festival, vuole mettere in primo piano il contenuto. La tendenza è quella di fruire di podcast orientati all’edutainment, alla divulgazione e all’informazione creando uno spazio protetto in cui affrontare anche temi sociali difficili. La pandemia ha generato nuovi bisogni di informazione. Radio, brand e grandi realtà editoriali l'hanno capito e hanno deciso di investire in questo nuovo settore. Al tempo stesso giovane ed antico. 

 

Centinaia i podcaster indipendenti

Anche Sky Tg24 alla due giorni del Festival

Anche i podcast di Sky Tg24 sono stati presentati all'edizione 2021 del Festival del Podcasting. In particolare si è parlato di "trafug'Arte" , il podcast sull'arte curato da John Pedeferri, tra i diversi prodotti quest'anno dal canale allnews diretto da Giuseppe De Bellis. Tra i podcast che potete trovare sul sito SkyTg24.it quello sui libri "Tra le righe" di Filippo Maria Battaglia, sui Millennials "M" di Chiara Piotto e sulla cybersecurity "1234" di Alberto Giuffrè. E poi ancora "Science please" di Roberto Pallladino, la "Ghitt Parade" di Nicola Ghittoni su musica e storia e il recentissimo "Giovani e la pandemia" di Emanuela Ambrosino. Podcast prodotti internamente dalla redazione di Sky Tg24 a cui se ne aggiungeranno presto degli altri. 

Di spazio per i podcast ce n'è. E la televisione così come la radio hanno un ruolo primario - lo sottolinea la ricerca Ipsos - nel favorirne conoscenza e diffusione. Da fenomeno "pull" a fenomeno "push" il passo è breve. Il "decollo" del podcasting - come mezzo di fruizione di contenuti - sembra solo una questione di tempo.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24