Sanità, smart city e trasporti: come l’Edge Computing cambierà le nostre vite

Tecnologia
smart_city

Diverso ma complementare al Cloud Computing, permette di elaborare dati e generare risposte e reazioni in tempi sempre più rapidi, rivoluzionando così molti settori dell’Internet of Things. Secondo la ricerca “From Cloud to Edge” - realizzata da Reply con la piattaforma proprietaria Trend SONAR e il supporto di Teknowlogy Group - il mercato principale a livello europeo sarà la Germania. Dai veicoli connessi alle case intelligenti, ecco cosa possiamo aspettarci dal futuro

Guidare un’auto che riconosce i segnali stradali e i pedoni. Muoversi in una città in grado di indicarti i parcheggi liberi più vicini. E ancora: macchinari ospedalieri che segnalano da soli quando hanno bisogno di manutenzione, droni e robot che monitorano lo stato delle merci in consegna, case sempre più smart. A cambiare le nostre vite sarà l’Edge Computing (“fratellastro” del più noto Cloud Computing), in grado di elaborare dati a livello locale e generare risposte e reazioni in tempi sempre più rapidi nell’ambito dell’Internet of Things (IoT). Pensiamo a un veicolo a guida autonoma: per la sicurezza di chi si trova a bordo e delle altre persone, i tempi di reazione a un eventuale ostacolo non possono di certo essere troppo lunghi. Nei prossimi 5 anni, l’Edge Computing rappresenterà un segmento del mercato del Cloud Computing in rapida crescita in tutti i Paesi dei cluster "Europe-5" (Italia, Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio) e "Big-5"(Usa, Regno Unito, Brasile, Cina, India): a livello europeo la Germania sarà il mercato principale, mentre gli Stati Uniti domineranno la scena a livello globale. È quanto emerge dalla nuova ricerca "From Cloud to Edge", realizzata da Reply con la piattaforma proprietaria Trend SONAR e il supporto di Teknowlogy Group.

Edge Computing e Cloud Computing? Diversi ma complementari

leggi anche

Viaggio a Shenzhen, la smart city dove nascono i nostri smartphone

Nell’ultimo anno, la pandemia di coronavirus ha dato una spinta significativa alla diffusione del Cloud Computing. Milioni di persone hanno iniziato a utilizzare le piattaforme basate sul Cloud per lavorare da remoto, fare acquisti online e per l'intrattenimento, con l’uso di Internet aumentato fino al 50% in alcune aree del mondo. Il Cloud Computing, oltre a confermare la presenza nelle grandi aziende, ha fatto breccia anche nelle Pmi (Piccole e medie imprese) e, soprattutto, fra le singole persone. Ma allora l’Edge Computing può essere una minaccia per il Cloud? Secondo la ricerca di Reply la risposta è no: la relazione fra le due tecnologie è complementare, l’Edge può essere adottato per attività che non potrebbero essere svolte al meglio nel Cloud, fornendo grossi vantaggi legati a latenza (il tempo necessario a trasmettere i dati), connettività, sicurezza, privacy e volumi dei dati trasmessi.

Sanità: l’Edge Computing e la manutenzione dei macchinari

Con la pandemia di Covid-19 è cresciuta molto l’attenzione sulla Sanità e sui problemi che la riguardano. Ed è proprio questo uno dei settori dove può entrare in azione l’Edge Computing e dove l’Internet of Things già esiste per migliorare l’accesso, ridurre i costi, incrementare qualità e sicurezza e limitare le inefficienze. L’Edge può intervenire su uno dei principali problemi in ambito ospedaliero, ovvero il monitoraggio dei macchinari, con la manutenzione predittiva: si tratta della pianificazione in anticipo degli interventi di manutenzioneper prevenire guasti inaspettati, grazie ad alert automatici e creazione di ticket basati sui dati raccolti dai sensori posizionati dentro e fuori i macchinari medici.

Una città che parla e agisce

L’Edge Computing può cambiare anche il modo di vivere le città. È il caso della smart safety - la tecnologia applicata alla sicurezza - in cui la rapidità di trasmissione dei dati dell’Edge è particolarmente importante. Si tratta infatti di usare piattaforme per migliorare la sicurezza degli spazi pubblici interni o esterni e delle aree private - come parchi, stazioni e centri commerciali - grazie a sistemi per polizia, vigili del fuoco e forze militari che permettano di analizzare tutti i tipi di dati, individuare i potenziali rischi e agire velocemente di conseguenza. Ma l’Edge in città entra in gioco anche per i parcheggi: con una app dedicata si potranno cercare e prenotare i posti liberi, ricevere informazioni sul momento in cui è più facile posteggiare e sul percorso più veloce per farlo. E ancora in tema di smart city: lampioni, panchine intelligenti, schermi smart equipaggiati con sensori connessi per raccogliere dati in tempo reale su meteo, servizi municipali e trasporti. Infine il monitoraggio di agenti inquinanti o fenomeni come inquinamento acustico, qualità dell’aria, radiazioni e gestione dei rifiuti.

In casa termostati e interruttori intelligenti

L’Edge al servizio della sicurezza è un tema primario anche per le case e gli edifici, con telecamere intelligenti in grado di individuare anomalie nei video e allertare le autorità. Ma per le smart home si aprono inoltre le possibilità legate all’efficienza energetica, con device controllati da remoto e installazioni, automatizzando processi come il riscaldamento, la sorveglianza, l’uso di elettrodomestici e l’intrattenimento. Per esempio, i termostati e gli interruttori possono imparare dal nostro comportamento e grazie al controllo remoto ottimizzare i consumi energetici. Come nel caso della sanità, l’Edge Computing legato agli edifici può essere usato per la manutenzione predittiva, evitando guasti inaspettati alle attrezzature grazie ad alert automatici e creazione di ticket.

I veicoli connessi verso la totale automatizzazione

Automobili, camion, autobus, navi, treni e altri veicoli connessi che comunicano in modo continuo e bidirezionale con gli ecosistemi - proprietari, conducenti, garage - e l’ambiente circostante - segnali stradali, altri veicoli, edifici smart. L’IoT e l’Edge fanno e faranno sempre di più per il settore dei veicoli, strettamente legato a quello della smart city su temi come la gestione del traffico e la manutenzione predittiva. La rapidità di trasmissione dell’Edge Computing è cruciale soprattutto per i veicoli a guida autonoma, dotati di sistemi di controllo che interpretano le informazioni dei sensori per identificare i percorsi di navigazione migliori, gli ostacoli (altri veicoli, pedoni, danni alla strada) e la segnaletica. E sebbene i veicoli completamente automatizzati siano ancora futuristici quando si tratta di automobili o camion, i sistemi di assistenza alla guida hanno già una certa importanza.

Mezzi pubblici e trasporto merci

Ma la città non vive di soli veicoli privati. Essenziali negli spostamenti per moltissime persone sono i mezzi pubblici, che grazie all’Edge Computing possono essere più sicuri e coordinati. Basta pensare ad asset connessi come videocamere, punti di pagamento pedaggio, sensori di parcheggio, schermi e segnali stradali che insieme a piattaforme Cloud che integrano i dati possono ottimizzare il flusso di traffico e persone. Inoltre, le soluzioni IoT possono essere usate per monitorare lo stato delle merci durante il trasporto o per consegnarle in tempi più rapidi con droni e robot.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.