Israel Kamakawiwo’ole, Google dedica un doodle al musicista hawaiano

Tecnologia

Famoso soprattutto per le sue versioni di “Over the Rainbow” e “What a Wonderful World” suonate con l’ukulele, l’artista è morto prematuramente nel 1997. Oggi avrebbe compiuto 61 anni

Il doodle di oggi, mercoledì 20 maggio, è dedicato al musicista hawaiano Israel Kamakawiwo’ole, scomparso nel 1997, a soli 38 anni. Conosciuto soprattutto per le sue versioni di “Over the Rainbow” e “What a Wonderful World” suonate con l’ukulele, il cantante, noto anche con gli pseudonimi Bruddah Iz o Bradda IZ, era nato a Honolulu il 20 maggio 1959. Oggi avrebbe compiuto 61 anni. Per celebrare questa ricorrenza, Google ha preparato un doodle speciale, che ripercorre alcuni dei momenti salienti della vita di Bruddah Iz attraverso un breve video animato, accompagnato dalle note della sua versione di “Over the Rainbow” contenuta nell’album “Facing Future”, uscito nel 1993. 

 

Gli ultimi anni di Israel Kamakawiwo’ole

 

Durante i suoi ultimi anni di vita, Kamakawiwo’ole soffrì di una grave forma di obesità che lo portò a pesare più di 300 chili. Il 26 giugno del 1997 morì a causa di gravi problemi respiratori. Al suo funerale presero parte più di 100mila persone, legate non solo alla sua musica, ma anche al suo strenuo impegno come attivista del movimento per l’indipendenza hawaiana. Negli anni successivi la sua fama crebbe ulteriormente, anche grazie alla pubblicazione dell’album postumo “Alone in IZ world”, che nel 2001 si piazzò al primo posto nella classifica Billboard World Albums. Il doodle, contenente delle animazioni create da Sophie Dao, rappresenta un tributo alla carriera di questo protagonista della scena musicale degli anni ’90, ancora oggi ricordato con affetto da moltissimi fan sparsi in tutto il mondo. 

 

Gli ultimi doodle di Google

 

Nel corso del 2020, Google ha dedicato vari doodle all’emergenza coronavirus. Lo scorso 20 marzo, per esempio, il colosso di Mountain View ha dato spazio nel suo luogo a Ignaz Semmelweis, il medico ungherese che per primo sottolineò l’importanza di una corretta igiene delle mani per combattere la diffusione delle malattie. In un altro doodle, risalente al 4 aprile, Big G ha invitato tutti gli utenti a restare a casa e a rispettare il distanziamento sociale e le misure restrittive introdotte dai governi. Non è mancato, inoltre, un logo speciale dedicato a tutti i lavoratori in prima linea per far fronte alla pandemia. Altri doodle sono stati realizzati in occasione di ricorrenze importanti come la Giornata della Terra o la festa della mamma.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24