NewsGuard svela le principali pagine Facebook che diffondono fake news sul coronavirus

Tecnologia

Negli ultimi mesi sono diventate delle casse di risonanza della disinformazione sull’emergenza sanitaria. Dopo la pubblicazione del report, il social media ha rimosso 9 delle 10 pagine segnalate

NewsGuard, società che fornisce valutazioni di credibilità e schede informative per migliaia di siti di notizie e informazione, ha pubblicato un nuovo report riguardante le pagine Facebook che pubblicano, condividono e amplificano la disinformazione sul Covid-19, dando spazio a contenuti come delle false o le teorie del complotto sull’origine del coronavirus (segui la DIRETTA di Sky TG24). L’analisi ha permesso di identificare 10 pagine Facebook che, a causa del loro elevatissimo numero di follower (pari, complessivamente, a 5.482.698 di utenti) sono dei “super-diffusori” di fake news. 

 

Le casse di risonanza delle fake news

 

Condividendo le fake news di siti come ViralMagazine.it  e FanMagazine.it, entrambi privi dei criteri fondamentali di credibilità e trasparenza su cui NewsGuard basa le proprie valutazioni, queste pagine Facebook sono diventate delle casse di risonanza della disinformazione sull’emergenza coronavirus. Alla base del loro successo sembrano esserci delle pratiche ingannevoli in comune. Ognuna di queste pagine, infatti, usa un nome che non riflette il contenuto dei suoi post o si descrive ai follower in modo fuorviante. È probabile che il passaggio da pagina “innocua” a contenitore di fake news sia avvenuto gradualmente, eludendo così la sorveglianza di Facebook per parecchio tempo. Di recente però il social è intervenuto e ha chiuso 9 delle 10 pagine segnalate da NewsGuard.

 

Il “modus operandi” delle pagine

 

Luxury Fashion, una delle pagine rimosse da Facebook, si presentava come uno spazio virtuale dedicato alla moda, mentre Una favola nel cuore (ancora attiva) sostiene di essere una pagina “per bambini e ragazzi”. Un altro esempio è Il mondo di Nelly (già rimossa dal social network), descritta come una pagina dedicata al cibo, alla moda e alla creatività. Come facilmente intuibile, i contenuti pubblicati di recente dalle pagine non rispecchiavano la loro descrizione e provenivano prevalentemente da ViralMagazine.it e FanMagazine.it. Le stesse fake news sono state riprese più volte da questi profili. Per esempio, una notizia falsa sulla possibilità di curare il Covid-19 con limone e acqua calda è stata condivisa da una di queste pagine nove volte in 30 giorni. Stando a quanto riportato da NewsGuard, per tutti i post falsi esaminati Facebook ha fornito alcun avvertimento, fact-checking o link a fonti più credibili.

 

L’elenco dei “super-diffusori”

 

NewsGuard spiega di aver incluso nell’elenco dei “super-diffusori”, le pagine Facebook che soddisfano tre criteri:

• Sono seguite da almeno 75.000 utenti

• Hanno pubblicato o condiviso contenuti falsi o fuorvianti sul virus

• Non sono state rimosse prima della pubblicazione del report, avvenuta il 5 maggio 2020

 

Ecco l’elenco completo delle 10 pagine Facebook che nelle scorse settimane hanno contribuito a diffondere la disinformazione sul Covid-19:

• Semplicemente Charlie (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

• Luxury Fashion (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

• Ti amo, però… Semplicemente Charlie (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

• Un pensiero UnicoTu (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

• Una favola nel cuore 

• I pensieri folli di due sognatori 

• La vita 

• Il nettare dell’amore (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

• Nel cuore delle donne 

• Il mondo di Nelly (rimossa da Facebook dopo la pubblicazione del report)

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.