App Store down, problemi anche con Apple Music e Mac App Store

Tecnologia

Il disservizio è incominciato intorno alle 14 e si è concluso alle 18 (ora italiana). Tra le zone più colpite la costa orientale degli Stati Uniti e il Regno Unito. In Italia i principali problemi si sono verificati a Milano, Torino e Firenze 

Dal primo pomeriggio di oggi, martedì 4 giugno, molti utenti hanno segnalato diversi malfunzionamenti su alcuni dei principali servizi Apple, tra cui App Store, Apple Music e Mac App Store. Come riporta il sito Downdetector, i problemi sono cominciati intorno alle 14 (ora italiana), ma il picco delle segnalazioni è stato raggiunto circa alle 16. Le principali aree colpite dal down sono state la costa orientale degli Stati Uniti, il Regno Unito e diverse aree dell’Europa centrale, ma il disservizio ha interessato anche l’Italia, in particolare Milano, Torino e, in maniera minore, Firenze.
Il malfunzionamento è stato confermato anche dal sito ufficiale di Apple tramite la finestra dedicata allo stato dei sitemi e ha riguardato anche il servizio di web radio. L'emergenza è rientrata alle 18.00 italiane, quando il portale non ha segnalato più alcun problema.

L’addio a iTunes e il nuovo iOS 13

Il disservizio si è verificato in un momento in cui in riflettori sono tutti puntati su Apple e sulla Worldwide Developers Conference, che ha preso ufficialmente il via ieri a San Jose (California) e dalla quale il colosso di Cupertino ha già svelato diverse novità. Tra queste, l’addio a iTunes e l’arrivo di iOS 13.
L’app per la riproduzione e l’organizzazione dei file multimediali verrà divisa in tre: Musica, Tv e Podcast. Come spiega Craig Federighi, responsabile software di Cupertino, questa modifica verrà apportata con il prossimo aggiornamento software.
È previsto, invece, per questo autunno il nuovo sistema operativo iOS 13, il quale porterà su iPhone e iPad la ‘dark mode’ - una modalità di visualizzazione per app e interfaccia che non affatica gli occhi e consuma meno batteria -, miglioramenti allo sblocco tramite riconoscimento facciale (Face ID) e mappe ridisegnate con la funzione ‘street view’.
Alla WWDC 2019, che si concluderà il 7 giugno, sono presenti 5mila sviluppatori sorteggiati tra le migliaia di richieste arrivate. Ad aprire la conferenza è stato il Ceo di Apple, Tim Cook, che ha parlato di tutte le ultime novità del mondo della Mela.

Tecnologia: I più letti