LG presenta il suo top di gamma: ecco le caratteristiche del G7

Il nuovo LG G7 (LG)
3' di lettura

Il gruppo sudcoreano punta su un nuovo design (con il notch), un comparto audio all'avanguardia e sull'intelligenza artificiale. Per valorizzare le fotocamere e ampliare l'uso dell'assistente digitale

LG lancia il suo smartphone top di gamma, il G7. Il prodotto punta su intelligenza artificiale, fotocamere e comparto audio. Il design, in linea con la tendenza imposta dall'iPhone X, ha il "notch", cioè la "tacca" centrale nella parte superiore che consente di ridurre i bordi al minimo.

Design e processore

Il G7 sarà lanciato in Corea del Sud nei prossimi giorni e in seguito sugli altri mercati di riferimento a un prezzo non ancora rivelato. Trattandosi del topo di gamma LG il costo dovrebbe aggirarsi attorno agli 850 euro. Al suo interno ha un processore Snapdragon 845 di Qualcomm e 4 gigabyte di Ram. Rinnovato il design, con un bordo in metallo lucido, Gorilla Glass 5 anteriore e posteriore. Il display è da 6,1 pollici di diagonale, con un rapporto 19,5:9 e risoluzione da 3120 x 1440 pixel. Se sulla parte posteriore il protagonista è il notch, in quella inferiore la cornice si riduce ed è quasi dimezzata rispetto a quella del predecessore G6. Lo smartphone ha un peso di 162 grammi, per 152,2 millimetri di lunghezza, 71,9 di larghezza e 7,9 di spessore.

Fotocamere e intelligenza artificiale

LG G7 è stato aggiornato con una fotocamera anteriore da 8MP e obiettivi da 16MP. Il set di fotocamere dialoga con l'intelligenza artificiale che ha debuttato sull'LG V30 ThinQ. Il software legge le condizioni dell'ambiente per suggerire il settaggio migliore, scegliendo tra le 19 modalità disponibili. Un accorgimento che dovrebbe esprimere il meglio di sé in condizioni con scarsa illuminazione. L'attenzione per l'intelligenza artificiale è confermata dal fatto che il G7 è uno dei primi smartphone a offrire Google Lens pronto all’uso. Si tratta di un sistema che permette di effettuare ricerche su Internet e avere informazioni su luoghi di interesse, piante, animali e libri, oltre a riconoscere il testo. Ci sarà un tasto dedicato per accedere a Google Assistant. Con due rapidi tocchi partirà Google Lens. L'idea di LG è rendere lo smartphone capace (in parte) di sostituire i maggiordomi digitali come Echo: grazie al riconoscimento vocale a lungo raggio e al microfono, il G7 è in grado di riconoscere i comandi vocali fino a cinque metri di distanza.

LG punta sull'audio  

LG ha anche continuato a puntare sull'esperienza audio, a partire dalla presenza nel telefono dello speaker Boombox, che utilizza lo spazio interno del dispositivo come cassa di risonanza per raddoppiare la diffusione dei bassi e offrire un suono potente da 'stereo portatile' senza la necessità di altoparlanti esterni. Quando viene posizionato su una superficie solida o una scatola, lo smartphone utilizza la sua cassa di risonanza come un woofer per amplificare ulteriormente l'effetto dei bassi. Inoltre, LG G7 è anche il primo smartphone a supportare il DTS:X per garantire un suono 3D virtuale per tutti i contenuti. È anche dotato di Quad DAC Hi-Fi, per un suono ricco in particolar modo se abbinato a cuffie ad alta impedenza.

Leggi tutto
Prossimo articolo