Daspo al paracadutista protagonista dell'invasione in Sassuolo-Inter

Sport

L'uomo aveva parlato di "un atterraggio di emergenza" e si era giustificato dicendo che dall'alto non si era "accorto che quel quadratino verde fosse uno stadio"

Dovrà stare lontano dagli stadi il 36enne che si è paracadutato sul terreno del Mapei Stadium la scorsa domenica durante Sassuolo-Inter. La Questura di Reggio Emilia ha infatti avviato per lui la procedura per l'emissione del Daspo.

La nota della Polizia sul paracadutista

L’uomo, residente nel milanese, si era lanciato con la tuta alare dal vicino aeroporto reggiano "Campovolo". A suo carico è scattata anche una denuncia per invasione di campo in quanto, come si legge nella nota diramata dalla Polizia, "l'azione portata a termine poteva arrecare grave rischio per l'incolumità del numeroso pubblico presente e dei calciatori”.

L’uomo ha alle spalle oltre 900 lanci

Il paracadutista, con alle spalle oltre 900 lanci e dieci anni di esperienza, si era giustificato raccontando alla stampa locale di aver avuto "un leggero problema di avvitamento" dopo il lancio e di aver così optato per "un atterraggio di emergenza", anche se dall'alto non si era "accorto che quel quadratino verde fosse uno stadio". 

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.