Celebrity MasterChef, Laura Barriales fa il tifo per Fayna

Inserire immagine
Laura Barriales

Uscita nel corso della prima puntata, la spumegginate conduttrice tv, attrice e modella spagnola, racconta della sua seppur breve avventura nelle cucine di Celebrity MasterChef , in onda tutti i giovedì alle 21.15 in esclusiva su Sky Uno . Leggi l'intervista 

Laura Barriales è tra i primi tre eliminati della seconda stagione di Celebrity MasterChef Italia, insieme a lei, a lasciare la gara sono l’astronauta Umberto Guidoni e la scrittrice Barbara Alberti: “Per me e Laura la vera vittoria è stata aver riportato le dita a casa, eravamo le asine della scuola, però ci siamo divertite". L’esuberante showgirl esce di scena per colpa di una gallina morta da spennare: “Non ci potevo credere, mi sono bloccata, è stato inquietante, non sono neanche riuscita a dimostrare di saper cucinare qualcosa, questa della gallina, doveva essere una prova da lasciare per la finale, davvero terribile”. Appena messo piede a Celebrity, Laura è stata redarguita dai giudici per aver chiesto spudoratamente aiuto al suo compagno di banco Valerio Spinella durante la prima prova sui tetti di Milano, in occasione del fantomatico “welcome party”. E così che finisce dritta al pressure test dopo aver ricevuto il grembiule nero da Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Joe Bastianich. La giuria non accetta il suo rifiuto di metter mano al pennuto e la saluta: “Laura tu esci per non averci neanche provato”, sottolinea Bastianich.


Si è rivista dopo l’eliminazione?
Sì è stato un po’ brutto, mannaggia a quella gallina, se non fosse stato per quella prova...
I suoi amici cosa le hanno detto?
Sono stati carini, per vedermi avevano organizzato una serata tutti insieme, si aspettavano una puntatona e quando sono uscita ci sono rimasti malissimo, erano delusi, anche sui social ho avuto un bel riscontro.
Barbara Alberti ha detto che voi due eravate le più asine della scuola.
Barbara è stata meravigliosa, noi due eravamo quelle senza peli sulla lingua. Io sono la ribelle di turno, gli altri in confronto sono tutti dei secchioni. Non c’era competizione, erano tutti bravissimi. Troppo!
Cosa l’ha spinta ad accettare?
Volevo rinfacciare a mia madre il fatto che lei, pur essendo un’ottima cuoca, non mi ha mai voluto insegnare, mi teneva sempre fuori dalla cucina. Per me la cucina è un tabù, però mi sono applicata.
In che modo?
Prima di iniziare il programma ho chiesto a mia madre di venire a casa mia, dieci giorni a farmi ripetizioni! Ho imparato l’abc, ma proprio quell’animale mi doveva toccare come prova? Proprio all’inizio? Non ho potuto dimostrare niente.
Quantomeno ora se la caverà?
Sono sincera, ho sempre avuto uomini che cucinavano per me, preferisco fare i lavori sporchi, sparecchiare, pulire i piatti. Mio marito cucina e io sto seduta. Adesso però a casa abbiamo lo chef, il lusso vero di una casa è proprio questo, poter gustare un piatto diverso ogni giorno.
Il suo piatto preferito?
Le lenticchie, faccio ridere ma mi fanno impazzire, mi ricordano la mia infanzia e poi sono sane.
Che cucina predilige?
Senza dubbio la cucina mediterranea, tutta la vita! Dopo un po’ di cene al giapponese o altro, mi stanco, preferisco mangiare sano. Abbiamo materie prime ottime nella nostra cucina. 
Un aneddoto divertente?
Io sono stata poco, però è stato tutto divertente, come ha detto Valerio nel confessionale, io facevo gruppo, e ne ho creato anche uno su WhatsApp, da poco Tombolini mi ha mandato un messaggio bellissimo, ha apprezzato che io sia sempre stata me stessa. Ho sempre detto di essere una pippa. Ero lì per divertirmi, mi sono mostrata per quello che sono. Autoironica. 
Chi vince, anzi: per chi fa il tifo?
Per Fayna, è una persona fantastica, è il mio piccolo grande amore.