4 Ristoranti, l'Agriturismo Ca’ Lunati miglior ristorante sui Colli Bolognesi. Intervista

TV Show sky uno

Barbara Ferrara

07-4-ristoranti-ep6

A vincere la sfida di questa settimana è Margherita Raponi con il suo Agriturismo Ca’ Lunati”, vecchio casolare di famiglia immerso nel verde dei Colli. In attesa del prossimo appuntamento con Alessandro Borghese, domenica in prima serata su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW, l'intervista alla vincitrice

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

Per una fuga dallo stress cittadino, Alessandro Borghese, abbandona per una puntata l'iconico van e monta su due ruote per approdare e scoprire meglio la zona alle porte del capoluogo emiliano. E' qui che tra borghi, castelli, vigne e antiche vie di mercanti e pellegrini, incorona il Miglior ristorante per una fuga sui Colli Bolognesi: a trionfare nella sfida è l'Agriturismo Ca’ Lunati” di Margherita. L'abbiamo intervistata per conoscerla più da vicino, ecco cosa ci ha raccontato del vecchio casolare di famiglia immerso nel verde e della sua esperienza stra-ordinaria di 4 Ristoranti (LO SPECIALE).

l'intervista alla vincitrice

approfondimento

4 Ristoranti, Mediterraneo è il miglior ristorante di Livorno

Che effetto fa essere “il miglior ristorante per una fuga sui colli bolognesi”?
Siamo molto felici del risultato, l'impegno che mettiamo ogni giorno nel nostro progetto ha dato i suoi frutti. Resta però che non ci sentiamo migliori di nessuno, i colli bolognesi sono ricchi di cultura e buon cibo, bisogna saperli cercare. Questo è vero.

Vi aspettavate la chiamata?
Quando la redazione ci ha contattate ero al mare con Monia, grande amica e importantissima collaboratrice, la mamma me lo ha comunicato con un messaggio. Direi, quindi,  che la risposta sia no, non ce lo aspettavamo assolutamente.

Come avete reagito?
E’ stato quasi uno schock, molto emozionante, e solo dopo aver passato le selezioni abbiamo iniziato a crederci un po' di più.

L’agriturismo Ca’ Lunati è il posto in cui sei nata e cresciuta, come nasce l’idea di portare avanti la tradizione di famiglia?
Non ho in mente un momento preciso, Ca' lunati fa parte di me e non riesco ad immaginare la mia vita legata ad un posto diverso. Crescere in un luogo crea un legame unico con esso, è molto più di un semplice lavoro. È un progetto di vita.

E’ stato semplice passare alla conversione biologica dell’agriturismo?
No, l'aspetto burocratico è davvero complesso per chi come me non ha studiato agraria, inoltre per ogni acquisto o trattamento bisogna chiedere più permessi di quando si è in convenzionale. 

Com’è stato il confronto con gli altri colleghi ristoratori?
L'esperienza in generale è stata stupenda e divertentissima, con Daniela e Alex si è creato uno splendido legame. E anche durante le riprese ci siamo dati supporto, sempre ricordandoci che stavamo gareggiando.

C’è stato un momento in cui hai pensato di farcela?
Alla fine del nostro servizio ci sentivamo molto soddisfatte ed eravamo contente di quello che avevamo mostrato, ci è sembrato un servizio fedele a noi stesse ed eravamo abbastanza convinte di non essere ultime. Ma solo quando ho alzato la cloche e ho visto il punteggio ho pensato veramente: "vinciamo noi"!

Il ricordo più bello, vittoria esclusa?
I pasti, le chiacchere e le gaffe durante le riprese, purtroppo non possono montare tutto ma ci sarebbe materiale per fare almeno altre quattro puntate.

Ci sono state critiche costruttive da cui prenderete spunto?
Beh, la tettoia è da sistemare ed è in progetto, diciamo che critica più “costruttiva” di questa non c'è.

La vostra carta vincente?
Noi, la famiglia, gli amici, i dipendenti, i fornitori e i clienti. Sono le persone che siamo e che ci circondano la nostra carta vincente.

Sogni nel cassetto?
Di sogni e progetti ne abbiamo una valanga e un cassetto non basta, meglio un armadio.

Spettacolo: Per te