Sharp Objects: Amy Adams, Gillian Flynn e Jean-Marc Vallée sulla miniserie

Inserire immagine

Lunedì 17 settembre alle 21.15 andrà finalmente in onda su Sky Atlantic Sharp Objects , miniserie tratta dall'omonimo romanzo di Gillian Flynn con Amy Adams nei panni della protagonista, la tormentata reporter Camille Preaker. Dietro la macchina da presa c'è invece Jean-Marc Vallée , già regista della prima stagione di Big Little Lies, mentre tra gli executive producer, oltre alla stessa Flynn, troviamo Marti Noxon , showrunner dello show: continua a leggere, guarda il video e scopri di più

Sharp Objects, scopri lo speciale sulla miniserie

Una reporter dal passato tormentato, una cittadina che nascondi inquietanti segreti, un thriller che cattura a ogni inquadratura: su Sky Atlantic sta per arrivare un nuovo capolavoro targato HBO, Sharp Objects, adattamento seriale dell'omonimo thriller del 2006 di Gillian Fynn, autrice di Gone Girl (tradotto in italiano col titolo L'amore Bugiardo). Dietro la macchina da presa troviamo Jean-Marc Vallée , già regista della pluripremiata prima stagione di Big Little Lies . Nel cast Amy Adams, Patricia Clarkson, Chris Messina, Eliza Scanlen, Sophia Lillis, Matt Craven e Elizabeth Perkins. 

A parlarci della miniserie in questo video sono proprio Adams (che nella serie interpreta Camille Preaker, la protagonista), Flynn (autrice della sceneggiatura e executive producer), Vallée (regista), e Marti Noxon (executive producer e showrunner):

Chi conosce le opere di Flynn sa bene che al centro delle sue storie generalmente ci sono personaggi femminili imprevedibili e fuori dagli schemi, e che una delle tematiche più trattate è senza dubbio quella della violenza, in svariate forme.

Non fa per l'appunto eccezione Sharp Objects, che, come suggerisce l'autrice, esplora proprio la rabbia e la violenza di matrice femminile, nonché intergenerazionale. Camille, Adora (sua madre) e Amma (la sua sorellastra appena quindicenne) sono tre diverse declinazioni dello stesso tema sviluppato in forme e modalità differenti.

Gillian si dice ovviamente felice del fatto che la sua protagonista, la tormentata Camille, sia stata portata in vita da un'attrice del calibro di Amy Adams. Adams, dal canto suo, ammette di essere una fan dei personaggi femminili che popolano le opere di Flynn, che, a suo parere, sono "così reali e così a tutto tondo, e così unici."

Jean-Marc Vallée, regista degli 8 episodi di cui è composta la miniserie, definisce Sharp Objects come qualcosa di "oscuro", ma non esita a sottolineare che "c'è della bellezza nell'oscurità, e Gillian riesce a catturarla in modo perfetto."

L'adattamento dal libro alla miniserie ha ovviamente comportato parecchio lavoro, e non di rado Flynn si è trovata a creare delle scene che nel romanzo non esistono, o a espanderne altre. Il risultato è "un adattamento decisamente fedele, ma dotato di vita propria."

"Non riuscivo a togliermi dalla testa il modo in cui [Gillian] racconta la storia di Camille. C'è qualcosa di profondamente oscuro e, come donna, mi sono sentita molto attratta da questa cosa dell'infliggere dei danni a noi stessi, quando in realtà i danni provengono dall'esterno.", dice Marti Noxon, e Vallée prosegue dicendo che uno dei punti forti della scrittura di Flynn è proprio il modo in cui riesce a parlare della violenza da un punto di vista tipicamente femminile, esprimendola in un modo decisamente singolare.

Se vi è piaciuto Gone Girl, film che è riuscito a lasciare a bocca aperta praticamente tutti gli spettatori che non avevano letto il libro, sicuramente amerete anche Sharp Objects. L'appuntamento è su Sky Atlantic lunedì 17 settembre alle 21.15.