Il Trono di Spade: una settimana da Maestro Aemon

Inserire immagine

In attesa dell’ottava e ultima stagione, in onda entro la prima metà del 2019 , dunque tra tanto, TROPPO tempo, continuano le repliche de Il Trono di Spade   ogni giovedì alle 21.15 su Sky Atlantic, e continuano gli appuntamenti con la rubrica “Una settimana da… ”. Dopo “Una settimana da Jojen Reed ” è ora il turno di un personaggio che nella serie non è comparso molto, ma che, ogni volta che è comparso, è stato di grande aiuto con la sua saggezza. Stiamo parlando del Maestro Aemon, che di cognome fa, o meglio faceva, Targaryen... Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del Maestro di Castello Nero (interpretato da Peter Vaughan)? Continua a leggere e scopri di più

Il Trono di Spade, scopri lo speciale sulla serie

Mentre su Sky Atlantic ogni giovedì sera alle 21.15 sono in onda le repliche di tutte le stagioni de Il Trono di Spade   andate in onda finora, e mentre cresce l’attesa per l'ottava, in arrivo entro la prima metà del 2019, ecco un nuovo appuntamento con la rubrica “Una settimana da…”. Dopo “Una settimana da Jojen Reed” è ora il turno di un personaggio che nella serie non è comparso molto, ma che, ogni volta che è comparso, è stato di grande aiuto con la sua saggezza. Stiamo parlando del Maestro Aemon, che di cognome fa, o meglio faceva, Targaryen... Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del Maestro di Castello Nero (interpretato da Peter Vaughan)?

Inserire immagine

Maestro Aemon, l'anziano "drago" di Castello Nero

Uccidi il ragazzo. E permetti all'uomo di nascere.

Non solo Viserys e Daenerys (e Jon, ma questo lo scopriremo solo nel finale della sesta stagione): all'inizio de Il Trono di Spade c'è un altro Targaryen ancora in vita, e questo Targaryen è Aemon, l'anziano Maestro di Castello Nero.

Conosciamo il Maestro Aemon dunque nella prima stagione, precisamente nel terzo episodio (Lord Snow), quando Jon e Tyrion arrivano finalmente a Castello Nero. Aemon, che si pensa sia l'ultimo dei Targaryen (quelle su Viserys e Daenerys infatti non sono altro che voci, per ora, e sulle vere origini di Jon ancora non si sa nulla) ci viene presentato, per l'appunto, come Maestro di Castello Nero e come fidato consigliere di Lord Jeor Mormont, Lord Comandante dei Guardiani della Notte.

Secondo figlio di Re Maekar I Targaryen e della Regina Dyanna Dayne, Aemon sceglie di diventare un Maestro, motivo per cui si trasferisce presso la Cittadella. Suo fratello maggiore, Aerion, è anch'egli un Maestro, e rinuncia a entrare a far parte della linea di successione, passando la palla a Aemon. Anche Aemon, però, non è interessato a indossare la corona, e, alla fine, sul trono di spade sale Aegon (nome molto comune per la casata del drago a tre teste), il più giovane dei tre fratelli. L'"Aeg", che in inglese suona come egg (uovo) che Aemon invoca poco prima di morire.

Per togliersi definitivamente dalla scena politica, e per evitare possibili disequilibri, Aemon sceglie di unirsi ai Guardiani della Notte e di rinunciare non solo alla sua eredità, ma anche, soprattutto, al proprio prestigioso cognome. 

Ma che rapporto c'è tra il Maestro Aemon e i Targaryen attualmente in giro per Westeros, cioè Dany e Jon? Per farla brevissima, Aegon V, il fratello di Aemon, è il padre di Aerys, che sale al trono col nome di Aerys II. Esatto, il Re Folle. Il padre di Rhaegar, Daenerys e Viserys. Dunque il quasi centenario e ormai praticamente cieco Aemon è il prozio di Dany e il pro-prozio di Jon.

Ma torniamo a Game of Thrones. Una delle prime cose che fa Aemon quanto Tyrion arriva a Castello Nero, è chiedergli di riferire alla Regina Cersei che i Guardiani hanno bisogno di nuovi confratelli perché l'inverno sta arrivando, e si tratterà di un inverno lungo e terribile. Quanto avevi ragione caro Aemon, quanto!

Come assistente, Aemon sceglie l'impacciato e timido Sam, che per lui leggerà, scriverà e invierà messaggi tramite i corvi. Scelta ovviamente non casuale, così come non è casuale il fatto che Jon sia stato assegnato come assistente del Lord Comandante.

Il ruolo del Maestro Aemon non è mai in primo piano. In genere lo vediamo dispensare saggi consigli e saggi ammonimenti, per esempio come quando Jon, dopo aver saputo dell'imprigionamento del padre ad Approdo del Re, è quasi sul punto di disertare. Aemon interviene giusto in tempo, e, confidandogli la sua reale identità, lo porta a fare la scelta giusta, cioè a tenere fede al giuramento fatto poco prima e a restare.

Quando Lord Jeor Mormont va oltre la Barriera con un nutrito gruppo di uomini, Aemon resta ovviamente a Castello Nero, e infatti è lì che lo troviamo quando Sam fa ritorno alla fortezza nella terza stagione insieme a Gilly e al suo bambino. Ascoltato il racconto del ragazzo, l'anziano Maestro capisce che la situazione potrebbe peggiorare da un momento all'altro, e che gli Estranei sono una minaccia concreta e imminente. Ordina così a Sam di inviare corvi ai lord più importanti dei Sette Regni: bisogna prepararsi prima che sia troppo tardi.

Aemon è uno dei cinque Guardiani che "giudicano" Jon Snow per le sue azioni durante il tempo passato insieme ai Bruti. Ser Alliser Thorne, il nuovo Lord Comandante in attesa della votazione ufficiale, e Janos Slynt vorrebbero giustiziare il bastardo di Ned Stark, ma il Maestro lo difende, ricordando a tutti che Jon non ha fatto altro che portare a termine il piano di Qhorin. Ma come fa Aemon a essere sicuro della buonafede del ragazzo? Semplice: come lui stesso ammette, sa benissimo quando qualcuno sta mentendo o sta dicendo la verità perché è cresciuto ad Approdo del Re!

Quando Olly arriva con la notizia del violento attacco dei Bruti a un villaggio lì vicino, è sempre Aemon a far ragionare i confratelli, che vorrebbero lasciare la fortezza per andare a contrattaccare. Aemon sopravvive alla battaglia di Castello Nero, ed è ovviamente presente quand'è il momento di scegliere il 998mo Lord Comandante. E' il suo voto a far vincere Jon contro Ser Alliser.

Di lì a poco la salute dell'anziano Maestro peggiora. Praticamente costretto a letto, Aemon si fa leggere la posta in arrivo da Sam. Una delle lettere arriva dalla Baia degli Schiavisti, ed è un aggiornamento piuttosto dettagliato riguardo le ultime imprese di Daenerys. Sentire il nome della pronipote commuove molto il vecchio Aemon, che spiritualmente è sempre stato legatissimo alla sua famiglia: chissà cos'avrebbe fatto e detto se solo avesse saputo di aver avuto a portata di mano il suo pro-pronipote!

L'ultimo incontro tra Jon e Aemon è fondamentale. Il nuovo Lord Comandante sa che la decisione di allearsi con i Bruti potrebbe portare a una vera e propria rivolta, così chiede aiuto al Maestro. E il Maestro non si tira indietro: gli dice che spesso si troverà a fare cose spiacevoli, gli dice che spesso dovrà prendere delle decisioni molto difficili, quasi impossibili. Soprattutto, gli dice che è arrivato il momento di "uccidere il ragazzo": solo così l'uomo potrà finalmente venire fuori.

La morte di Aemon arriva poco dopo. Sempre più debole, sempre più stremato dalla vecchiaia, l'anziano Maestro si spegne nel suo letto, ricordando il fratello Aegon, chiamato affettuosamente Aeg/Egg. Il suo corpo viene cremato nel cortile di Castello Nero. Prenderà il suo posto (forse) Sam Tarly, il suo fidato assistente.

 

Quali sarebbero dunque i pro e i contro di una settimana da Maestro Aemon?

Pro:

Tra i pro ovviamente ci sono ovviamente l'enorme saggezza e l'enorme cultura di Aemon, Maestro di nome e di fatto. Poco interessato al potere, Aemon ha infatti sentito sempre in modo molto forte la spinta a insegnare agli altri, a condividere le sue conoscenze, e a donare la sua vita per una causa più grande, motivo per cui si è unito ai Guardiani della Notte, rinunciando al suo status privilegiato. Altro punto a favore dell'essere il Maestro Aemon: sareste uno dei pochi personaggi de Il Trono di Spade a essere morto di morte naturale. Respect! Ultimo pro: lascerete dietro di voi due giovani uomini che vi faranno onore, e che, lo sapete, porteranno avanti i vostri ideali: Sam e ovviamente Jon.

Contro:

Ammettiamolo: passare praticamente TUTTA la propria vita adulta a Castello Nero dev'essere stato ben poco divertente. Ma il dovere è dovere. Altro contro: essere a conoscenza della totale disfatta della propria famiglia e non poter intervenire per non rompere il giuramento dei Guardiani della Notte. Ultimo contro: il freddo. Tutta una vita al freddo! 

Fate attenzione a:

Considerando che il Maestro Aemon è morto di morte naturale, diciamo che non c'è molto a cui fare attenzione. Una raccomandazione però ve la facciamo: fate attenzione al rimpianto. Il rimpianto attaccherà svariate volte, e voi dovrete essere più forti. Proprio come Aemon.