Catch-22 e gli altri: George Clooney si fa regista

Nato come attore sul piccolo schermo, è diventato una delle star più amate di Hollywood e nel 2001 ha deciso di passare dietro alla macchina da presa, esordendo come regista. In attesa del debutto di Catch-22 (martedì 21 maggio alle 21.15, su Sky Atlantic), ecco tutti i successi cinematografici diretti da George Clooney.

Catch-22, scopri lo speciale sulla serie

In Catch-22, nuova produzione originale Sky in arrivo il 21 maggio su Sky Atlantic, George Clooney è il tenente Scheisskopf. Ma non contento di stare davanti alla macchina da presa, la star hollywoodiana guida anche la regia della serie, insieme a Grant Heslov e Ellen Kuras.

Catch-22, il TRAILER della serie tv

Catch-22, le prime FOTO

George Clooney si fa regista: gli esordi

Tuttavia non è la prima volta che Clooney si muove al timone di un film: il suo esordio alla regia risale al 2001 quando, mentre nelle sale giungeva la pellicola di successo Ocean’s Eleven con Clooney protagonista, lui si dava da fare con Confessioni di una mente pericolosa, giunto nelle sale nel 2002 che racconta la storia di Chuck Barris, nota personalità della tv statunitense immischiata nella CIA. Da allora George Clooney ha continuato a dividersi fra l’attività di attore e quella di regista, ottenendo alcuni importanti riconoscimenti.

SCOPRI TUTTI I FILM DIRETTI DA GEORGE CLOONEY

Suburbicon e il tema della xenofobia

Fra i lavori più recenti che Clooney ha diretto c’è Suburbicon, del 2017: è il 1959 e una famiglia di colore si trasferisce nella città fittizia di Suburbicon proprio nel periodo in cui viene assassinata misteriosamente una donna bianca. Il tema della xenofobia viene portato sapientemente in scena da Matt Damon, Julianne Moore e Oscar Isaac. La pellicola è girata principalmente a Los Angeles ed è stata premiata al Festival del Cinema di Venezia.

Catch-22, la trama della serie TV con George Clooney

La guerra secondo George Clooney

Il tema della guerra che incontreremo in Catch-22, George Clooney lo aveva già affrontato qualche tempo fa con Monuments Men, ma da un punto di vista insolito: protagonisti del film del 2014 un gruppo di soldati dell’esercito nordamericano  che dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale attraversano l’Europa in cerca delle opere d’arte trafugate dai tedeschi. Al fianco di Clooney, regista e interprete, troviamo Matt Damon, Bill Murray, Cate Blanchett, John Goodman, Bob Balaban e Jean Dujardin. Monuments Men si ispira all'omonimo libro di Robert M. Edsel nel 2009.

George Clooney, regista della politica americana

Nel 2011 George Clooney punta sulla politica americana per coinvolgere il pubblico del grande schermo: con l’aiuto dell’esemplare interpretazione di Ryan Gosling, il regista con Le idi di marzo porta in scena la campagna elettorale del candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti vista dagli occhi di un giovane membro dell’ufficio stampa. Tangenti, scandali, inganni, tangenti e soprusi la faranno da padroni. Clooney ci aveva provato con il tema politico già nel 2005, alla sua seconda esperienza da regista: con Good Night, and Good Luck la star racconta l’America degli anni Cinquanta, attraverso lo scontro fra il senatore McCarthy e il giornalista televisivo Edward R. Murrow.

Infine, non va dimenticata la commedia In amore niente regole del 2008, film romantico che affronta i temi dello sport e dell’amore, senza risultare mai stucchevole. Complice un cast formato da George Clooney, Renée Zellweger e John Krasinski.

Catch-22, dal 21 maggio su Sky Atlantic