I Soprano, che fine ha fatto Tony Soprano? L'ideatore racconta il finale della serie tv

Serie TV
©HBO

David Chase torna sulla scomparsa del personaggio principale del suo show e sui fatti narrati nell'episodio finale della serie andato in onda, ormai, quattordici anni fa

Le ultime dichiarazioni di David Chase, ideatore della serie di culto I Soprano, nonché l'uscita il 4 novembre del film I molti santi del New Jersey, prequel delle vicende dello show diretto da Alan Taylor, hanno riacceso l'attenzione sulla serie televisiva HBO in onda dal 1999 al 2007. Nello specifico, la discussione si è riaperta sulla fine di Tony Soprano, il boss della mafia italo-americana del New Jersey la cui scomparsa nell'episodio conclusivo delle sei stagioni ha lasciato molte questioni in sospeso.

La controversa uscita di scena di Tony Soprano

approfondimento

I molti santi del New Jersey, nuovo trailer del prequel de I Soprano

David Chase, com'è noto agli appassionati e ai cultori de I Soprano, la serie televisiva da lui ideata, diventata un vero e proprio fenomeno pop dell'epoca contemporanea, non è un personaggio facile: le sue dichiarazioni rilasciate negli anni a proposito della sua opera di straordinario successo, invece di chiarire alcuni retroscena dello show, hanno lasciato spazio per ben più di una domanda. I fan della serie, ad esempio, si sono spesso interrogati sulla fine di Tony Soprano, descritta dai fatti dell'ultimo episodio andato in onda nel lontano 2007. In quell'episodio, Tony Soprano, interpretato dall'attore James Gandolfini, è con la sua famiglia in una tavola calda. Poco dopo, mentre il juke-box diffonde il brano Don't Stop Believing dei Journey, un uomo che indossa la giacca che distingue “i membri” entra dalla porta dando inizio alla scena controversa che mette fine alla serie. Tony alza lo sguardo e lo schermo diventa nero per uno spazio di dieci secondi prima dell'inizio dei titoli di coda.

Il finale: una questione sempre aperta

approfondimento

Le migliori serie TV da vedere a novembre 2021. FOTO

In una recente intervista registrata per un podcast, Chase è stato interrogato nuovamente a proposito di quella sequenza. L'autore ha ribadito di aver sempre pensato che nel finale Tony sarebbe stato ucciso e ha aggiunto che gli elementi che compongono la scena in questione sono arrivati col tempo: la tavola calda, ad esempio, gli era venuta in mente dopo aver effettivamente visto un posto simile, perfetto, secondo lui, per ambientare la scena così come è stata poi girata. Nel 2018, per il libro The Sopranos Sessions, David Chase aveva effettivamente parlato della morte del personaggio, salvo poi precisare che non si riferiva a quel finale ma a una scena che poi non era stata più girata.

Anche quest'ultima intervista non chiarisce, però, le modalità della scomparsa del personaggio: Chase non conferma né smentisce la morte del boss, peraltro messa in questione da diverse ipotesi fatte dagli spettatori che hanno interpretato quel finale non come la morte di Tony bensì come una semplice uscita di scena del protagonista.

Spettacolo: Per te