Mindhunter 3, David Fincher e Netflix in trattative

Serie TV

Potrebbe essersi spazio per una terza stagione di “Mindhunter”? Questa è la speranza di David Fincher

I fan sembrano aver perso le speranze per la terza stagione di “Mindhunter”. L’ultima parola non è stata però ancora pronunciata. Lo show non risulta ufficialmente cancellato, anche se le dichiarazioni di David Fincher, pronunciate nei mesi precedenti, non hanno lasciato intravedere alcuna sorta di luce in fondo al tunnel.

approfondimento

i 6 migliori film di David Fincher, regista candidato agli Oscar 2021

Stando a quanto riportato dal sito “Small Screen”, però, in questa fase sarebbero in corso delle trattative tra il celebre regista, e curatore della serie, e Netflix. La speranza è che si possa trovare un accordo per una terza stagione, che riesca magari a porre una degna fine alla storia narrata fino a oggi.

Le prime due stagioni sono disponibili sulla piattaforma streaming, visibili anche su Sky Q e NOW. Nel corso degli ultimi anni hanno raccolto un folto pubblico fedele, non bastevole però a giustificare i costi messi a bilancio. Fincher è stato molto chiaro in tal senso.

Non molto tempo fa aveva spiegato: “Si tratta di uno show costoso, per i dati d’ascolto che ha ottenuto. Onestamente penso che potremo realizzarla con un budget inferiore rispetto alla seconda stagione”. A ciò, in seguito, ha aggiunto: “Aveva un pubblico appassionato ma non sono mai stati raggiunti numeri che giustificassero il costo. Non so se ha senso continuare”.

Le prime avvisaglie di problemi all’orizzonte risalgono a gennaio 2020. I contratti di Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv vennero sciolti, ufficialmente a causa degli impegni di Fincher. Lo show è stato poi rinviato a data da destinarsi. Mai cancellato ufficialmente, ad oggi. Non mancano trame lasciate in sospeso e, per quanto complicato coprirle tutte, una terza stagione conclusiva potrebbe concedere ai fan la conclusione che meritano.

Mindhunter, trama e cast

approfondimento

Le migliori serie tv da vedere ad aprile

Nata nel 2017, “Mindhunter” vanta nel proprio cast principale i seguenti attori:

  • Jonathan Groff: Holden Ford
  • Holt McCallany: Bill Tench
  • Anna Torv: Wendy Carr

Il resto degli interpreti si alterna di puntata in puntata, trattandosi dei protagonisti di casi inquietanti della storia recente americana. Sono serial killer terrificanti, la cui storia rappresenta il vero focus dello show.

La serie mostra le origini del concetto di “serial killer”. I protagonisti sono impegnati, contro le preclusioni mentali del tempo, in una serie di interviste prima e di analisi vere e proprie dopo. Vanno a caccia di storie da parte dei più efferati assassini della storia recente degli Stati Uniti d’America. Per la prima volta si parla di profilazione. Il loro studio potrebbe aiutare a creare dei precedenti standard, al fine di individuare nuovi serial killer in breve tempo e, magari, porre freno alle azioni di un individuo sospetto prima che possa agire incontrollato.

In questo modo la serie mostra analisi di killer seriali come Edmund Kemper, Dennis Rader, Montie Rissel, Jerry Brudos, Richard Speck e Charles Manson.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.