Emmy 2019, le nomination di Sky Atlantic: House of Cards 6

Inserire immagine

Il 22 settembre, al Microsoft Theatre di Hollywood, a Los Angeles, si terrà la 71esima cerimonia di premiazione dei Primetime Emmy Awards. Tra le serie candidate ce ne sono molte tra quelle andate in onda su Sky Atlantic, e tra queste c'è anche la sesta e ultima (e controversa) stagione di House of Cards : scopri di più.

Emmy Awards 2019: tutte le nomination

La 71esima edizione dei Primetime Emmy Awards avrà luogo il 22 settembre (il 23 in Italia, causa fuso orario) al Microsoft Theatre di Hollywood, a Los Angeles, e quest'anno le serie andate in onda su Sky Atlantic hanno ricevuto tantissime nomination.

Tra queste c'è anche la sesta e ultima (e controversa) stagione di House of Cards, in lizza in due categorie: "Miglior attrice di una serie drama" e "Miglior attore non protagonista di una serie drama", rispettivamente con Robin Wright (Claire Underwood) e Michael Kelly (Doug Stamper).

 

Emmy 2019, tutte le nomination delle serie di Sky Atlantic

 

Robin Wright è dunque tra le candidate nella categoria "Miglior attrice di una serie drama", e la cosa francamente non stupisce, vista e considerata la sua ottima performance durante tutta la serie e, nello specifico, durante la sesta e ultima stagione. Un capitolo finale decisamente controverso, riscritto e modificato in corso d'opera a causa dello scandalo che ha investito Kevin Spacey.

Senza andare a rivangare quanto successo, sta di fatto che l'ultima stagione di HoC avrebbe dovuto vedere i coniugi Underwood uno contro l'altro, ma così non è potuto essere, per ovvi motivi. D'altro canto, l'assenza di Spacey ha permesso di concentrare tutta l'attenzione sul personaggio di Claire, cosa che ha permesso a Wright di essere la protagonista indiscussa di questi ultimi otto episodi. D'altronde Claire l'aveva detto: era il suo turno!

Si può essere d'accordo o meno con le svolte narrative di House of Cards 6 e con le decisioni e le azioni di Claire Underwood, ma una cosa ci vede concordare all'unanimità: l'ottima performance di Robin Wright, che entra di diritto nella rosa dei nominati ai prossimi Emmy Awards.

Anche Michael Kelly è in nomination, precisamente nella categoria "Miglior attore non protagonista di una serie drama", ovviamente per il ruolo di Doug Stamper, il braccio destro del personaggio di Spacey. Con Frank fuori da giochi, Doug ovviamente ha avuto meno screentime, ma, nonostante ciò, ha avuto comunque un peso non indifferente nella narrazione. Specialmente per la rivelazione finale: come ben ricorderanno i fan della serie, è stato proprio Doug a uccidere il Presidente Underwood! Un colpo di scena veramente inaspettato, a cui è seguito un altro colpo di scena, cioè l'assassinio di Doug da parte di Claire. Riuscirà Michael Kelly a portare a casa l'ambito Emmy? Lo scopriremo tra qualche settimana.