Lucca Comics & Games 2018, tra Gomorra – La Serie e Il Trono di Spade

Inserire immagine

Appuntamento nella città toscana dal 31 ottobre al 4 novembre per l’edizione 2018 del Lucca Comics & Games . Sky Atlantic è protagonista in più momenti: tra gli altri il salotto della famiglia Savastano di Gomorra – La Serie e un sotterraneo dedicato a Il Trono di Spade : continua a leggere e scopri di più

(@BassoFabrizio)

Il salotto della famiglia Savastano e il Sotterraneo del baluardo San Colombano interamente dedicato a Il Trono di Spade. Sono solo due dei momenti che vedono protagonista Sky Atlantic al Lucca Comic & Games 2018 che si terrà nella città toscana, tra le sue mura medievali, dal 31 ottobre al 4 novembre. Il claim del 2018 è il Made in Italy e si respira in ogni sfumatura poiché gli organizzatori vogliono celebrare autori di fumetti, di giochi e videogiochi, artisti, animatori e produttori di cultura che portano nel mondo il patrimonio culturale italiano. I numeri parlano chiaro: più di duemila eventi in cinque giorni.

Sky Atlantic da tempo presidia Lucca nei giorni della rassegna e anche questa volta è pronta a stupire con alcune magie. Intanto si può visitare il salotto della famiglia Savastano, sì, proprio quello di Gomorra – La Serie, e si potrà prendere confidenza con un aspetto inedito grazie alla realtà virtuale di Gomorra VR – We own the streets, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2017. Gomorra è protagonista anche con una masterclass tenuta da Marco D’Amore il 2 novembre.

Sei un amante delle serie Sky? Difficile dire no, ma è lecito confessarne una preferita. E allora nel padiglione Sky è stata creata una sezione dove una make up artist professionista ti trucca come il tuo personaggio preferito, e il confine tra realtà e finzione sarà davvero impalpabile. Vuoi sentirti onniponte? E allora entra nello studio ovale di House of Cards, la cui sesta e ultima stagione debutta su Sky Atlantic il 2 novembre.

Il 2019 passerà alla storia della serialità televisiva come l'anno in cui è andata in onda la stagione finale, lottava, de Il Trono di Spade. Bisogna iniziare a prepararsi e c’è un solo modo, entrare nel Sotterraneo del baluardo di san Colombano: si comincia attraversando la famosa Barriera, poi un corridoio ghiacciato, e finalmente i cosplayer che ci accolgono. Le pareti coperte di ghiaccio e Castello Nero sono ipnotici. In particolare nel castello si affrontano due realtà: il giuramento dei Guardiani della Notte e affidarsi agli insegnamenti del Maestro d’Armi Ser Alliser Thorne.

Le installazioni più maestose sono nel cuore del sotterraneo: uno dei draghi di Daenerys, di 4 metri. Non mancano Il trono di Roccia del Drago e la teca che riproduce Approdo del Re. A questo punto siete pronti per entrare nella sala del trono dove…troneggia il Trono di Spade. Vi sentite pronti per una grande sfida? E allora sfidate il campione di Westeros mettendovi nei panni di Oberyn Martell. Uscendo dalle magie del Sotterraneo vi appare davanti, maestoso, Alto Giardino, la città sede della famiglia Tyrell.

Antonio Visca, direttore di Sky Atlantic, ribadisce “la volontà di tornare con forza a Lucca. Saremo presenti con Sky Cinema, Sky Atlantic, i racconti di Sky Tg24. Ma non solo telecamere, anche installazioni, cito per tutti quelle de IlTrono di Spade, che è un qualcosa che unisce tutte le generazioni. Sta per finire nella trama principale, poi chissà. Due anni fa a Lucca è nata Sky Generation, un temporary channel che visto il successo abbiamo poi recuperato ed è diventato a tutti gli effetti una brand di Sky con una sezione on demand. E per due settimane Generation sarà in onda. Sky creerà tra le mura di Lucca delle esperienze vere."

Ci sono cinque princìpi che guidano la progettazione culturale del Festival. Ma cosa è la cultura? Viene dal verbo coltivare e significa prendersi cura di sé e degli altri. E se c’è una persona che ha condotto una vita secondo questi principi è Inge Feltrinelli che viene applaudita. Il fumetto è la chiesa al centro del villagio del Lucca Comics & Games: “Il fumetto è forte e potente, è un linguaggio che è un rinforzo al patrimonio culturale”, dice Sara Colaone, che dopo avere vinto il Gran Guinigi 2017 in questo 2018 è nel gruppo dei giurati. I maestri presenti a Lucca sono tantissimi, tra gli altri Neal e Arthur Adams, Victoria Jamieson e Li Kunwu. Attesa per Jeremie Moreau, che verrà a parlare del movimento costante.

E’ capitato che a Lucca sia arrivato, con chiodi e martello, Gabriele Stazzi, che ha collaborato ai costumi della saga I Pirati dei Caraibi: i temi sono i cosplayer che “vogliono entrare in contatto i loro personaggi e per farlo si confrontano con una dimensione sartoriale. Per essere più vicini possibile indagano altre arti”. Stazzi ha realizzato un porta pass in cuoio con i loghi della convention: “Sul retro c’è cuoio naturale non tinto da personalizzare oppure da far decorare a un artista che incontreranno a Lucca”.

Il bello è arte che si confonde con altra arte. Quest’anno si ricordano i 30 anni di Andrea Pazienza: a Roma è stata fatta una mostra, dunque cosa si può fare a Lucca? Insieme a Luca Raffaelli e Luca Bitonte sono state preparate delle clip da distribuire sui social che a Lucca avranno contributi speciali. Siamo tutti un po' figli di Paz e l’idea è una rilettura della sua opera secondo diversi punti di vista generazionali.

Un tema che sta a cuore a Lucca è il Made in Italy, ma per essere realizzato deve combinarsi con l’internazionalità. Deve combinarsi con gli scambi generazionali. E qui tutto questo si realizza. E, con un po’ di leggerezza, si può sublimare, sul far della sera, con un aperitivo con gli ospiti, perché a Lucca si vive tutti insieme, senza divisioni. Lucca è una festa della cultura. Soprattutto, è il mondo dei giochi, della cultura, delle serie tv: non ha bisogno di passaporto, perché è di tutti.

Scopri il programma completo del Lucca Comics & Games.