Morto Steve Priest, lo storico bassista e cantante degli Sweet. Aveva 72 anni

Musica
LOS ANGELES, CA - SEPTEMBER 02:  Steve Priest of The Sweet performs at Backyard Bash 2018 at the Rainbow Bar & Grill on September 2, 2018 in Los Angeles, California.  (Photo by Michael Tullberg/Getty Images)

La notizia del decesso del musicista è arrivata attraverso un post sulla pagina Facebook del gruppo, scritto da Andy Scott

Steve Priest, bassista della storica band inglese Sweet, si è spento all'età di 72 anni. A darne l'annuncio, sulla pagina Facebook del gruppo glam rock, il leader della formazione Andy Scott. Priest aveva militato negli Sweet dal 1968 al 1981, diventandone il cantante principale.

"Il miglior bassista con cui abbia suonato"
 

"Sono a pezzi - scrive Andy Scott - Steve Priest è morto. Sua moglie Maureen e io siamo rimasti in contatto e anche se la sua salute stava peggiorando, non ho mai pensato che sarebbe arrivato questo momento. Mai". Il chitarrista degli Sweet ha rivolto un pensiero alla famiglia di Priest e ha poi aggiunto: "Era il migior bassista con cui abbia mai suonato. Il casino che abbiamo fatto come band era così potente". Ricordando gli esordi esplosivi del gruppo, Scott ha concluso il suo ricordo dell'amico aggiungendo: "Riposa in pace fratello. Tutto il mio amore".

Chi era Steve Priest

approfondimento

I più famosi gruppi rock anni 80

Classe 1948, Stephen Norman Priest era un bassista britannico, divenuto famoso grazie al suo sodalizio con gli Sweet. La band era formata da Brian Connolly (voce), Andy Scott (chitarra), Mick Tucker (batteria). Il basso di Priest si inserì sin da subito nella formazione glam rock. Nel 1979, dopo l'addio di Connolly (morto nel 1997) Priest divenne anche la voce della band. Nel 1981 il musicista decise di lasciare il gruppo per trasferirsi negli Stati Uniti con la seconda moglie Maureen. In quel periodo prese parte a una seconda formazione, gli Allies, ma con scarso successo. Nel 1994 pubblicò la sua autobiografia, "Are You Ready Steve?". Inoltre, nel 2008, partecipò brevemente a una nuova versione degli Sweet, assieme però ad altri musicisti rispetto al nucleo originale.

Spettacolo: Per te