Coronavirus: le reazioni degli artisti italiani al nuovo decreto

Musica

Anche la musica dal vivo soffre per l’emergenza coronavirus, ma gli artisti invitano i fan a rispettare le regole

In questo momento particolarmente difficile per il nostro Paese, il governo italiano ha adottato nuove e forti misure restrittive per limitare il più possibile il diffondersi del virus Covid-19. Anche il mondo della musica ha risentito di queste ordinanze, che hanno portato alla cancellazione o al rinvio di moltissimi concerti e interi live tour. Di fronte all’emergenza coronavirus, moltissimi artisti italiani hanno invitato i propri fan alla calma e soprattutto al rispetto scrupoloso delle regole. Solo in questo modo possiamo tutelare noi e gli altri, solo riducendo la nostra socialità e restando a casa potremo uscire da questa brutta situazione nel minor tempo possibile. Lo stesso Eros Ramazzotti, in tour negli Stati Uniti, ha annullato il gran finale a Los Angeles: Tutti desideriamo tornare a casa per stare insieme alle nostre famiglie, ai nostri concittadini per lottare contro questa situazione allucinante. Ci dispiace tanto ma torneremo presto e grazie per la vostra comprensione".

Giuliano Sangiorgi ha scritto una canzone

Giuliano Sangiorgi, cantante dei Negramaro, ha scritto il testo di una canzone dopo aver visto le immagini delle persone che hanno preso d’assalto la stazione di Milano per tornare a casa, al sud. Tutto questo prima che il nuovo decreto vietasse gli spostamenti non strettamente necessari al di fuori della regione Lombardia e delle altre 14 province in isolamento. Una dedica ai fan per annullare le distanze.

Visualizza questo post su Instagram

Le immagini di tutte quelle persone che ieri scappavano da Milano e assalivano l’ultimo treno che li avrebbe ripotati a casa, dai propri affetti, sono ancora impresse nella mia mente... Cucino il ragù della domenica, fingo che sia tutto normale , come sempre. Giro e rigiro quel sugo, che stella ama tanto. Smetto, lo faccio riposare e penso che ho del tempo per mettere nero su bianco i miei pensieri e, magari, ho il tempo pure di cantarli, prima di riprendere la cura del mio ragù. Sento che è giusto condividere queste parole nuove con voi, scritte per voi, per me... per capire o per cercare almeno di farlo. La musica, tante volte, mi ha aiutato a comprendere, a comprendermi. Tante canzoni, quelle rimaste nel cassetto, ma vi assicuro, mi hanno aiutato tanto, anche senza essere pubblicate, senza essere dei successi. Questa no, voglio dedicarvela, per annullare le distanze e per sentirvi in questa stanza tutti. Torno al mio ragù e vi aspetto, aspetto che tutto torni a girare nel senso giusto come questo mio ragù, come questa mia canzone... Restiamo a casa Sono giorni che ci penso... Vorrei incontrarti, ma non si può. Sono ore, lunghe ore passate solo ad aspettare che qualcuno sappia dire qualcosa che faccia sperare, che questa maledetta storia sia sul punto di finire e insieme, finalmente, noi domani torneremo a uscire A incontrarci per le strade come un tempo in un locale, con un sogno e una birra in mano e una strana gioia, qui, nel cuore, che è difficile da capire perchè sembra sia normale. Ma da questi giorni qui tutto sarà un po’ speciale E intanto noi restiamo a casa, così... In quel cassetto ho molti libri e un bel film Facciamo finta che là fuori piove e che quel sole tarda ad arrivare Ma è solo tempo da rispettare. Che ne dici, potremmo fare l’amore? Approfittiamone per ricordare quanto è importante la vita insieme. È poco tempo! C’è solo da aspettare! Ti giuro torneremo a fare l’amore... Per ora resta casa qui con me. Per ora resta a casa. Fallo per te e per me E per noi! #iorestoacasa

Un post condiviso da Giuliano Sangiorgi (@giulianosangiorgi_official) in data:

Jovanotti e la gratitudine per chi opera in prima linea

Lorenzo Jovanotti ha pubblicato un post per invitare il suo pubblico a seguire le indicazioni degli esperti e le ordinanze di legge: «Dobbiamo frenare la diffusione del contagio. E non sarà mai abbastanza grande la gratitudine per chi in questi giorni opera in prima linea».

Levante e il rispetto

Levante ha condiviso un post l’8 marzo, festa della donna, per porre l’accento sul rispetto che dobbiamo avere di tutti noi. «A proposito di rispetto... rimanere a casa e adottare le misure di sicurezza richieste dallo Stato in questa situazione di emergenza è importantissimo. La regola ci libera. Torneremo a festeggiare la vita al più presto ma prima salviamo la nostra e quella di tutti gli altri».

Visualizza questo post su Instagram

BIG UP per le FEMMINE, per gli uomini che rispettano le FEMMINE, per le femmine che rispettano le FEMMINE e per le femmine che rispettano gli uomini. Insomma, per me ricorrenze come questa servono a ricordare che non ci dobbiamo dimenticare di avere rispetto, di tutti noi! . . A proposito di rispetto... rimanere a casa e adottare le misure di sicurezza richieste dallo Stato in questa situazione di emergenza è importantissimo. La regola ci libera. Torneremo a festeggiare la vita al più presto ma prima salviamo la nostra e quella di tutti gli altri. Oggi avrei voluto rivedere la mia famiglia, tutte le mie donne preferite che non vedo da tanto tempo, ma non posso. Questo è anche un tempo prezioso, un tempo da gestire al meglio, da utilizzare per fare tutto ciò che non abbiamo mai modo di fare nelle nostre vite frenetiche. Oltre a lavorare da remoto (ammetto che da questo punto di vista a me non è cambiato molto... visto che sono sempre chiusa in casa a scrivere e comporre, tranne se in promozione) dovremmo tutti quanti gestire queste lunghissime giornate in maniera intelligente. Riprendiamo in mano i libri, i dischi, i nostri hobby (lo so lo sport è un po’ complicato)... Il solito abbraccio disinfettato, dalle mie stanze stupefacenti torinesi. #Ifeelyou #8marzo #levantecanta #levantecaos #levantemagma #magmamemoria #levantegipsy #nelcaosdistanzestupefacenti #andràtuttobene

Un post condiviso da L E V A N T E (@levanteofficial) in data:

Alessandra Amoroso e l’enorme grazie a medici, infermieri e personale sanitario

Alessandra Amoroso ha postato una foto di uno striscione appeso fuori dai cancelli di un ospedale: “Medici e infermieri siete il nostro orgoglio. Grazie”.

Tommaso Paradiso: restiamo a casa

Tommaso Paradiso, ex frontman dei Thegiornalisti, ha condiviso un video che lo vede impegnato a cantare e suonare al suo pianoforte. Un invito a pensare a tutte le cose meravigliose che si possono fare stando a casa propria, senza drammatizzare. «Non è un dramma starsene a casa, anzi. È invece un dramma non rispettare gli altri: i più deboli, i medici, le strutture ospedaliere, il paese».

Nek e il messaggio ai giovani

Nek ha postato un video in cui si rivolge soprattutto ai più giovani: “Avete la voglia di vita che scorre nelle vostre vene, come giusto che sia […] Abbiate un occhio di riguardo per voi stessi, per i vostri genitori e soprattutto per i vostri nonni, che in questa circostanza potrebbero essere i soggetti più a rischio”. 

Frankie Hi-Nrg: siamo tutti pazienti

Negli ultimi giorni Frankie Hi-Nrg ha condiviso i suoi pensieri riguardo l’emergenza coronavirus su Twitter, una serie di tweet iniziano con la frase “siamo tutti pazienti”.

I messaggi di Francesco Sarcina (Le Vibrazioni), Max Pezzali, Davide Toffolo, Ligabue, Ermal Meta

Visualizza questo post su Instagram

COVID-19/33

Un post condiviso da Davide Toffolo (@davideltofo) in data:

Mika: Tenete duro, vi sono vicino"



Anche Mika è intervenuto, manifestando la sua vicinanza all'Italia su Ibstagram: “E’ un momento molto difficile però bisogna tenere duro. E' importante rimanere a casa il più possibile ma è altrettanto importante restare creativi. Così possiamo rimanere uniti. Io vi sono vicino”.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.