Fausto Leali, le 5 migliori canzoni

“Mi manchi” e non solo, ecco le migliori canzoni di Fausto Leali, tra le voci migliori della musica italiana

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

Poche note e una canzone di Fausto Leali è subito riconoscibile. Accade così con i grandi della musica italiana, che restano eterni, il cui valore non svanisce mai. Nato in provincia di Brescia nel 1944, Fausto Leali dimostra il proprio talento fin da giovanissimo. Basti pensare che a soli 14 anni ottiene il suo primo ingaggio da professionista, entrando a far parte dell’orchestra di Max Corradini. La musica è la sua vita e due anni dopo è nell’orchestra del fisarmonicista jazz Wolmer Beltrami. Il primo 45 giri viene inciso nel 1961, usando lo pseudonimo di Fausto Denis. Si unisce alla band I Novelty, con la quale incide diversi dischi, con cover dei Beatles come Please Please Me e Leti ti ama (She Loves You).

Ha preso parte innumerevoli volte al Festival di Sanremo, dal 1968 a oggi. Un totale di 13 volte, vincendo nel 1989 con “Ti lascerò”, cantata al fianco di Anna Oxa:

  • Festival di Sanremo 1968: “Deborah”
  • Festival di Sanremo 1969: “Un’ora fa”
  • Festival di Sanremo 1970: “Hippy”
  • Festival di Sanremo 1972: “L’uomo e il cane”
  • Festival di Sanremo 1973: “La bandiera del sole”
  • Festival di Sanremo 1987: “Io amo”
  • Festival di Sanremo 1988: “Mi manchi”
  • Festival di Sanremo 1989: “Ti lascerò”
  • Festival di Sanremo 1992: “Perché”
  • Festival di Sanremo 1997: “Non ami che te”
  • Festival di Sanremo 2002: “Ora che ho bisogno di te”
  • Festival di Sanremo 2003: “Eri tu”
  • Festival di Sanremo 2009: “Una piccola parte di te”

Ospite del Festival di Sanremo 2020, condotto da Amadeus, sarà al fianco Michele Zarrillo, cantando la sua “Deborah” nella terza serata, dedicata alle cover. Ecco dunque le sue migliori canzoni:

  • A Chi
  • Mi manchi
  • Ti lascerò
  • Io amo
  • Angeli negri

A chi

Una hit senza tempo, di certo tra le sue canzoni più famose ma, al tempo stesso, tra i brani italiani più noti di sempre. Rappresenta la versione italiana di Hurt, brano cantato da Roy Hamilton nel ’54 e rifatto in seguito da molti altri artisti.

Mi manchi

È di certo il suo cavallo di battaglia. È una delle canzoni con le quali si è presentato al Festival di Sanremo. Era il 1988, un anno prima del suo successo. Ottenne il quinto posto.

Ti lascerò

Brano fondamentale nella sua lunghissima carriera. In tredici partecipazioni a Sanremo, fu quella del 1989, con questo brano, a consegnargli la vittoria sul palco dell’Ariston, condivisa con la talentuosissima Anna Oxa.

Io amo

Altro grande classico della discografia di Fausto Leali. Scritto da Toto Cutugno, ottenne il quarto posto a Sanremo e, in termini di vendite, volò in classifica con ben due dischi di platino.

Angeli negri

Una versione adattata per il pubblico italiano di “Angelitos negros”, di Pedro Infante, tratta dal film omonimo. Un brano molto sentito, che Leali canta ancora oggi. Parla di un pittore, al quale si rivolge un “coloured”, pregandolo di raffigurare accanto alla Madonna almeno un angioletto nero.