Massimo Ranieri, testo e significato di Perdere l'amore

Massimo Ranieri
@Getty Images

Il testo e il significato di “Perdere l’amore”, canzone di Massimo Ranieri e vincitrice del Festival di Sanremo 1988

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

Tra i protagonisti del Festival di Sanremo 2020 c’è anche Massimo Ranieri. Il grande artista sarà l’ospite della seconda serata e duetterà con Tiziano Ferro sulle note di “Perdere l’amore”, canzone vincitrice dell’edizione del 1988. Scritta da Marcello Marrocchi e Giampiero Artegiani, rilanciò la carriera di Massimo Ranieri che negli anni precedenti si era dedicato esclusivamente al teatro. Il brano venne proposto già nella precedente edizione del Festival di Sanremo (cantata però da Gianni Nazzaro) ma venne scartata. La nuova versione, quella accettata in gara e che poi stravinse l’edizione del 1988, venne impreziosita dall’interpretazione di Massimo Ranieri, da un nuovo arrangiamento curato da Lucio Fabbri e Sergio Conforti, in arte Rocco Tanica e tastierista del gruppo Elio e le Storie Tese. Inoltre l’assolo di sassofono presente prima del ritornello è suonato da Feiez, al secolo Paolo Panigada, sassofonista e polistrumentista sempre degli Elio e le Storie Tese. 

Il significato della canzone

Perdere l’amore” è una delle canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana e quella del Festival di Sanremo. Il brano racconta la fine di una storia d’amore tra un uomo e una donna e tutte le difficoltà che emergono al termine di una relazione chiusa quando si è troppo in avanti con gli anni. L’impossibile di rifarsi una vita, il dolore di essere stato abbandonato e la sofferenza devastante per la fine di un amore maturo. Le tante responsabilità non lasciano spazio alla possibilità di iniziare un nuovo rapporto e il protagonista non vuole accettare la realtà, anzi decide di combattere per cambiare la storia ("spezzerò le ali del destino e ti avrò vicino"). Tempestato dai ricordi di un amore mai spento, il protagonista di “Perdere l’amore” urla la sua rabbia e spera di cambiare il corso delle cose.

Il testo di “Perdere l’amore”

Questo il testo di “Perdere l’amore”, canzone portata al successo da Massimo Ranieri e vincitrice del Festival di Sanremo del 1988:

E adesso andate via

Voglio restare solo

Con la malinconia

Volare nel suo cielo

Non chiesi mai chi eri

Perché scegliesti me

Me che fino a ieri

Credevo fossi un re

Perdere l'amore

Quando si fa sera

Quando tra i capelli

Un po' d'argento li colora

Rischi di impazzire

Può scoppiarti il cuore

Perdere una donna

E avere voglia di morire

Lasciami gridare

Rinnegare il cielo

Prendere a sassate

Tutti i sogni ancora in volo

Li farò cadere ad uno ad uno

Spezzerò le ali del destino

E ti avrò vicino

Comunque ti capisco

E ammetto che sbagliavo

Facevo le tue scelte

Chissà che pretendevo

E adesso che rimane

Di tutto il tempo insieme

Un uomo troppo solo

Che ancora ti vuol bene

Perdere l'amore

Quando si fa sera

Quando sopra al viso

C'è una ruga che non c'era

Provi a ragionare

Fai l'indifferente

Fino a che ti accorgi

Che non sei servito a niente

E vorresti urlare

Soffocare il cielo

Sbattere la testa

Mille volte contro il muro

Respirare forte il suo cuscino

Dire è tutta colpa del destino

Se non ti ho vicino

Perdere l'amore

Maledetta sera

E raccogli i cocci

Di una vita immaginaria

Pensi che domani

È un giorno nuovo

Ma ripeti non me l'aspettavo

Non me l'aspettavo

Prendere a sassate

Tutti i sogni ancora in volo

Li farò cadere ad uno ad uno

Spezzerò le ali del destino

E ti avrò vicino

Perdere l'amore.