Sanremo 2020, Achille Lauro torna sul palco dell'Ariston

Dopo il successo (e le polemiche) di “Rolls Royce”, Achille Lauro torna a Sanremo con una canzone sull’amore malato, “Me ne frego”

Eccessivo e sopra le righe, straordinariamente cool, Achille Lauro si è presentato sul red carpet del Festival di Sanremo 2020 in canottiera bianca. 

Del resto, la sua canzone si intitola: “Me ne frego”. «Non vorrei dire troppo su quello che si vedrà a Sanremo. “Me ne frego” è uno stile di vita che può essere inteso in vari modi: dalla storia sentimentale al giudizio degli altri» ha raccontato nel corso di un’intervista a Rolling Stone.

Il ritorno di Achille Lauro

Lo scorso anno, con la sua “Rolls Royce”, Achille Lauro è stato il vero protagonista del Festival. Per la sua performance con Boss Doms, i suoi look eclettici, e per le polemiche che quella canzone ha portato con sé. Ma Lauro è andato dritto per la sua strada, e alla fine ha conquistato tutti: i critici, la sala stampa, il pubblico.

“Me ne frego” parla di una relazione tossica, di un uomo che viene usato dalla sua donna, idealizzata con l'esempio di perfezione fisica maschile del David di Michelangelo. L’uomo viene sfruttato, tradito, truffato nei sentimenti. E poco importa, che la musica alleggerisca il contesto: il messaggio di fondo è forte, e il tema è dei più seri.

Dal giorno dell’annuncio della sua partecipazione, Achille Lauro ha inondato il suo profilo Instagram di immagini un po’ mistiche e un po’ esoteriche, accendendo ancor di più l’attenzione su un brano rock mixato con elementi dell’elettro-dance: «Sono predominanti la cassa e il basso. È il rock anni ’80, può essere vicino a “Flashdance” come mondo. Quello che conta è l’esibizione: portato da noi sarà un pezzo super punk», ha spiegato.

Deciso a farsi conoscere sempre di più, l’ex trapper sta vivendo un momento d’oro. «Ho già 50, 60 brani pronti. Questo è il momento in cui sento più mia la musica, voglio lavorare con calma, non mi interessa andare a Sanremo e lanciare un disco. Me ne frego è un singolo a sé. Ho già tre progetti pronti, ma usciranno piano piano», ha annunciato. Lui che non si ferma mai, che canta e suona, che dipinge e scrive libri. E che non smette mai di sognare.

I look di Achille Lauro

Non solo fa parlare di sé per le sue canzoni, e per le sue sempre poco sobrie esibizioni al fianco del producer Boss Doms: Achille Lauro è anche al centro dell’attenzione degli esperti di stile, per i suoi outfit sempre originali.

Lo scorso anno, a firmare i suoi look era stato Carlo Pignatelli. Come vestirà questa volta? Del resto, indosso gli abbiamo visto davvero di tutto: canotte a rete e pantaloni in latex, tacchi a spillo, piume e crop top. Persino Gucci l’ha voluto come protagonista del lookbook della collezione Pre Fall 2020: che sia proprio Alessandro De Michele a vestirlo? In ogni caso, non saranno certo outfit noiosi.