Eurovision Song Contest: scelti i primi 10 finalisti

La prima semifinale dell'Eurovision Song Contest ha eletto i dieci finalisti che si scontreranno nella finale insieme ai vincitori del secondo appuntamento previsto per domani e con gli artisti dei paesi organizzatori.

Eurovision Song Contest: le 5 migliori esibizioni della prima semifinale Eurovision Song Contest: le 5 esibizioni più iconiche degli ultimi anni

La prima semifinale della 64° edizione dell’Eurovision Song Contest ha regalato grandi momenti di spettacolo. L’apertura della kermesse musicale è stata a opera dall’energica Netta che si è esibita con “Toy”, brano vincitore dello scorso anno. Ospite d’onore Dana International, ultima vincitrice israeliana nel 1998 con “Diva” e divenuta una delle artiste più celebri di sempre della manifestazione.

Ieri diciassette artisti si sono sfidati a Tel Aviv per conquistare un posto per la finale di sabato in cui gli occhi di tutto il mondo saranno puntati sul palco grazie anche alla presenza della Regina del Pop, ovviamente Madonna (qui le foto più belle della cantante).

Eurovision Song Contest: la prima semifinale

La prima semifinale è stata aperta dalla cipriota Tamta che ha messo in piedi una delle esibizioni più spettacolari della serata, da sottolineare anche le performance di Zena e Victor Crone, rappresentanti rispettivamente della Bielorussia e dell’Estonia.

Il regolamento dell’Eurovision Song Contest prevede che i cinque paesi organizzatori e il paese vincitore della scorsa edizione accedano direttamente alla finale, mentre le restanti nazioni debbano sfidarsi in due gruppi in altrettante distinte serate, ovvero quelle del martedì e del giovedì, da cui verranno individuati ogni volta dieci artisti che formeranno il gruppo dei ventisei finalisti. I paesi organizzatori sono Spagna, Italia, Francia, Germania e Regno Unito.

Eurovision Song Contest: l’annuncio dei dieci finalisti

Bar Refaeli ed Erez Tal hanno condotto perfettamente la serata mostrandosi sciolti e a loro agio su uno dei palchi più importanti e imponenti al mondo, al loro fianco Assi Azar e Lucy Ayoub come inviati nella “Green Room”, ovvero la sala in cui gli artisti in gara attendono di esibirsi e successivamente il verdetto.

Il momento più atteso di ieri è stato ovviamente il finale quando i presentatori hanno annunciato, in ordine casuale, i dieci finalisti della manifestazione sorprendendo il pubblico presente per l’esclusione di alcuni artisti e accontentandolo per la presenza di altri. I paesi eliminati dalla competizione sono i seguenti: D mol con "Heaven" (Montenegro), Darude e Sebastian Rejman con “Look Away" (Finlandia), Tulia con “Fire of Love" (Polonia), Joci Pápai con “Az én apám" (Ungheria), Eliot con “Wake Up" (Belgio), Oto Nemsadze con “Keep on Going" (Georgia) e infine Conan Osiris con “Telemóveis" (Portogallo).

Questi invece i dieci finalisti che sabato si contenderanno l’ambito trofeo:

  • Tamta con “Replay" (Cipro)
  • Zena con “I like it” (Bielorussia)
  • Victor Crone con “Storm” (Estonia)
  • Hatari con “Hatrið mun sigra" (Islanda)
  • Kate Miller-Heidke con “Zero Gravity" (Australia)
  • Katerine Duska con “Better Love" (Grecia)
  • Serhat con “Say Na Na Na" (San Marino)
  • Zala Kralj & Gašper Šantl con “Sebi" (Slovenia)
  • Nevena Božović con “Kruna" (Serbia)
  • Lake Malawi con “Friend of a Friend" (Repubblica Ceca)