Prodigy, le canzoni più famose del gruppo di Keith Flint

prodigy-canzoni-piu-famose
@Getty Images

Le canzoni più famose dei Prodigy, la band britannica di Keith Flint, scomparso il 4 marzo 2019 a 49 anni

I Prodigy sono stati certamente il volto provocatorio della musica elettronica degli anni Novanta, il simbolo della ribellione giovanile e della rave generation, in quel mix di generi che ha spaziato dal punk alla dance, dalla techno alla musica psichedelica. Con la morte di Keith Flint, avvenuta il 4 marzo 2019, sembra chiudersi la storia di una delle esperienze musicali più entusiasmanti degli anni ’90, anche se la musica di questa eccentrica e irriverente band britannica rimarrà nel cuore dei fan grazie a grandi canzoni di successo come:

  • Everybody In The Place 
  • Out of Space
  • No Good
  • Voodoo People 
  • Firestarter
  • Smack My Bitch Up
  • Breathe
  • Baby's Got a Temper 
  • Spitfire 
  • Omen

Everybody In The Place (1991)

“Everybody In The Place” esce a dicembre del 1991 come secondo estratto dal primo album in studio “Experience” e raggiunge in poco tempo la seconda posizione della UK Singles Chart. Viene accompagnato da un video che riporta le immagini del primo tour dei Prodigy negli Stati Uniti e lungo le strade di New York.

Out of Space (1992)

“Out of Space” è il quarto estratto del primo album in studio dei Prodigy “Experience”. Viene pubblicato il 9 novembre 1992, mentre nel 2005 esce una versione remixata di Audio Bullys per il singolo Voodoo People/Out of Space (2005). Il brano è accompagnato da un video che ritrae tutta la band in campagna e un susseguirsi di immagini di satelliti e struzzi. 

No Good (1994)

Il singolo viene pubblicato il 16 maggio 1994 come secondo estratto del secondo album in studio “Music for the Jilted Generation”. Il brano nasce come una critica alla musica dance e tecno degli anni ’90. Celebre è la frase “You're no good for me, I don't need nobody”, un campionamento di “You’re not good for me”, singolo di Kelly Charles del 1987. Il brano è stato poi ripreso per una versione remix da DJ SS e per l’omonima versione di Fedde Le Grand e Ned Shepard. 

Voodoo People (1994)

Terzo estratto dell’album “Music for the Jilted Generation”, il brano viene pubblicato il 12 settembre 1994. È sicuramente tra i singoli più apprezzati dai fan della celebre band britannica. Il video originale del brano viene diretto da Walter Stern and Russell Curtis e girato sull’isola di Santa Lucia nei mari dei Caraibi. La clip ritrae Leeroy Thornhill nei panni di un prete voodoo e scene che vengono censurate dalle televisioni del tempo. Il brano “Voodoo People” è conosciuto anche nella versione remixata dei The Chemical Brothers. 

Firestart (1996)

“Firestart” è certamente uno dei brani di maggior successo dei Prodigy. Pubblicato il 18 marzo 1996 come primo estratto dell’album “The Fat on of The Land”, il singolo ha raggiunto la vetta della Official Singles Chart dove vi è rimasto per ben tre settimane. La canzone, inoltre, raggiunge in poco tempo la fama internazionale, entrando in diverse classifiche di vendita e ascolto europee. “Firestart” è stato poi scelto come colonna sonora del videogame Wipeout 2097 e della serie TV Squadra Speciale Cobra 11.

Smack My Bitch Up (1996)

“Smack My Bitch Up” arriva nelle radio e nei negozi di dischi il 7 novembre 1997. Si tratta del secondo estratto dell’album “The Fat on of The Land”, che ha regalato alla band il salto di qualità nel mondo della musica inglese e internazionale. Il titolo della canzone, che tradotto in italiano sarebbe “picchio la mia pu***na”, così come il testo hanno generato diverse controversie e polemiche sul fatto che la band fomentasse la violenza contro le donne. In realtà, secondo lo slang dell’epoca e secondo il gruppo, le parole sono state male interpretate e il reale significato della canzone va attribuito al mondo dell’eroina e dello sballo. 

Breath (1996)

“Breath” viene pubblicato l’11 novembre 1996 come terzo estratto dell’album “The Fat on of The Land” a cui appartengono altri brani di successo come “Firestarter” e “Smack My Bitch Up”. La canzone ottiene un notevole riscontro di pubblico tanto da raggiungere il podio delle classifiche di vendita inglesi e di altri paesi. Inoltre, il video del singolo porta a casa i premi MTV Video Music Award del 1997 e l’International Viewer's Choice Award for MTV Europe. 

Baby's Got a Temper (2002)

Dopo un periodo di pausa, nel 2002 Maxim e Flint riuniscono la band e pubblicano l’EP “Baby's Got a Temper”. Si tratta anche del primo singolo uscito dopo l’abbandono del gruppo da parte del DJ Leeroy Thornhill avvenuto due anni prima. Anche questo brano viene ampiamente contestato dalla critica, per i diversi riferimenti a un particolare tipo di droga, il Rohypnol. Tuttavia raggiunge la top5 della classifica UK Singles Chart e della Canadian Singles Chart. 

Spitfire (2005)

“Spitfire” è il terzo estratto del quarto album in studio della band “Always Outnumbered, Never Outgunned”. Viene pubblicato l’11 aprile del 2005 e raggiunge il primo posto della classifica UK Dance Chart. Si tratta certamente di uno dei brani di maggiori successo della band, ancora apprezzato da tantissimi fan. 

Omen (2009)

“Omen” viene pubblicato il 16 febbraio 2009 come secondo estratto dell’album “Invaders Must Die”. Il brano raggiunge la top10 della UK Singles Chart e un notevole successo anche al di fuori dei confini europei. Viene scelta come colonna sonora del film “Kick-Ass”.