Woodstock 2019: Santana e Ringo Starr tra i cantanti

Ringo Starr
@Getty Images

Woodstock 2019 ci sarà: sono stati confermati i primi artisti, Santana e Ringo Starr

Sono Santana (con The Doobie Brothers) e Ringo Starr (con la Edgar Winter Band) i primi artisti confermati per Woodstock 2019: il concerto che celebrerà i 50 anni dal festival di musica più famoso di tutti i tempi. Altri artisti saranno confermati nelle prossime settimane. L'evento andrà in scena a Bethel Woods, lo stesso luogo che ospitò il festival nel 1969, e si svolgerà dal 15 al 18 agosto 2019. Il primo giorno ci sarà la proiezione del film “Woodstock: The Director’s Cut”. Il giorno successivo a salire sul palco sarà lo storico batterista dei Beatles Ringo Starr, accompagnato dalla Edgar Winter Band. Mentre Santana è atteso il 17 agosto, insieme a The Doobie Brothers. Contemporaneamente, a Watking Glen, a pochi chilometri di distanza da Bethel Wood, Michael Lang – l’organizzatore del primo Woodstock – allestirà una sorta di “contro festival”.

Woodstock 50: il festival celebrativo

Il festival è organizzato da Live Nation in collaborazione con l’agenzia Invnt. Si terrà il 15, il 16, 17 e 18 agosto: esattamente gli stessi giorni che caratterizzarono la storica edizione di cinquant’anni fa. Alcune indiscrezioni dicono che non si tratterà di un festival esclusivamente musicale, ma che ai tanti show saranno alternati dibattiti, conferenze e presentazioni a sfondo musicale. Finora, gli unici artisti confermati sono Ringo Star con la Edgar Winter Band e Santana con The Doobie Brothers. Ricordiamo che si tratta di un ritorno per Santana, che già partecipò alla prima, storica edizione del ’69 insieme al suo gruppo.

Festival di Woodstock: l’edizione del 1969

La prima edizione del Festival di Woodstock si svolse al Bethel Woods Center for the Arts, nello stato di New York, tra il 15 e il 18 agosto 1969. Il festival, in realtà, era in programma fino al 17 agosto, ma continuò fino al giorno successivo, per i troppi set in programma. L’evento richiamò più di 400 mila persone: tra paganti e “portoghesi” che riuscirono ad abbattere le barriere che proteggevano il parco, invadendolo pacificamente. Ad alternarsi sul palco furono invece trentadue tra singoli musicisti e gruppi. I concerti iniziarono alle 17.07 di venerdì 15 agosto: il primo a salire sul palco fu Richi Havens, con il suo set di quasi due ore. Il primo giorno vide come protagonista la musica folk. Ad alternarsi sul palco, per citare alcuni artisti, anche Sweetwater, Joan Baez e Tim Hardin (che suonò appena due canzoni, ma rimase sul palco un’ora). A salire sul palco il giorno successivo furono, invece, Santana, Janis Joplin & The Kozmic Blues Band, i Greatful Dead, i Creedence Clearwater Revival, gli Who e i Jefferson Airplane. In quello che in teoria avrebbe dovuto essere il giorno conclusivo del Festival ci furono gli show di Joe Cocker, Johnny Winter, i Crosby, Stills, Nash & Young e Neil Young, da solo. L’ultima esibizione del Festival fu quella di Jimi Hendrix, con due ore piene di musica, dalle 9 alle 11 di lunedì mattina. Lo show del grande chitarrista, era in realtà in programma per la mezzanotte del giorno precedente.