Amy Winehouse: in arrivo il documentario di "Back to Black"

Amy Winehouse
@Getty Images

A sette anni dalla scomparsa prematura, arriva un docu-film su Amy Winehouse e “Back to Black”

“Back to Black”, secondo album di Amy Winehouse, è entrato nella storia della musica e ha ufficialmente elevato a star internazionale la cantante inglese. Il 2 novembre, a 12 anni dall’uscita del disco e a poco più di sette dalla scomparsa di Amy Winehouse, esce un documentario che mostra tutte le fasi della realizzazione dell’album che ha cambiato le sorti della voce soul più potente degli ultimi anni.

La genesi di un album storico

Il docu-film “The real story behind the modern classic” uscirà in dvd, blue-ray e in digitale e racconterà tutto il processo creativo dietro lo storico album “Back to Black”. Nel film, immagini e interviste inedite con i produttori Mark Ronson e Salaam Remi, con i musicisti e altri collaboratori. I riflettori sono puntati, però, su Amy Winehouse, su come si muove e come si approccia alle registrazioni dell’album che le avrebbe cambiato la vita. All’inizio del documentario è la stessa Amy che parla del progetto e di quanto fosse importante per lei: «Ho scritto un album di cui sono davvero orgogliosa su una brutta situazione che ho attraversato. C’è dentro tutta me stessa».

Oltre alla genesi di “Back to Black”, “The real story behind the modern classic” contiene anche il concerto inedito “An intimate evening in London”, uno show privato registrato nel 2008 ai Riverside Studios di Londra la sera in cui la cantante ha vinto 5 Grammy Award. Al concerto erano presenti solo alcuni familiari e un gruppo ristretto di amici e discografici.

Un album pluripremiato

“Back to Black” è l’album che ha decretato il successo internazionale di Amy Winehouse. Uscito nel 2006, ha venduto finora oltre 20 milioni di copie in tutto il mondo. Acclamato dalla critica e dal pubblico, contiene brani che sono diventati i cavalli di battaglia della cantante dalla voce soul. “Rehab”, “Love is a losing game”, “You know I’m not good”, “Tears dry on their own” e la title track sono rimasti per mesi nelle classifiche dei singoli più venduti.

Con “Back to Black”, Amy Winehouse ha vinto 5 Grammy Awards, tre per la canzone “Rehab” nelle categorie “Record of the Year”, “Song of the Year” e “Best Female Pop Vocal Performance”, uno nella categoria “Best New Artist” e uno per l'album nella categoria “Best Pop Vocal Album”. Solo nel Regno Unito, il disco ha venduto 3,58 milioni di copie, posizionandosi al secondo posto degli album più venduti nel Paese del XXI secolo.

Una vita segnata

Amy Winehouse è stata una cantante dalla vita molto complicata: grande artista sul palcoscenico e donna molto fragile nella vita privata. Segnata da problemi di alcol, droga e anoressia, più volte si è esibita in evidente stato confusionale.

L’ultima apparizione in pubblico risale al 20 luglio 2011, all’iTunes Festival London. Il 23 luglio, Amy Winehouse verrà trovata morta nella sua casa di Camden Square, a Londra, a soli 27 anni. Le cause del decesso sono state fatte risalire all’eccessiva assunzione di alcol dopo un periodo di astinenza.