Chemical Brothers: in Italia per tre concerti nel 2018

Inserire immagine

Dopo aver pubblicato un singolo lo scorso anno, il duo britannico dei Chemical Brothers  ha annunciato le date del tour europeo che li terrà impegnati per tutto il 2018, che in estate toccherà anche l’Italia , che aggiunge un nuovo grande nome agli appuntamenti musicali del prossimo anno.

Non solo rock, l’estate 2018 si tinge anche di musica elettronica di altissimo livello, con il duo britannico dei Chemical Brothers. Tom Rowlands e Ed Simons hanno annunciato le date del tour che li vedrà in giro per l’Europa per tutto il 2018, con ben tre appuntamenti in Italia.

Un gradito ritorno nel nostro Paese

I Chemical Brothers sono stati nel nostro Paese già pochi mesi fa, per due djset a Firenze e Torino ma le tre date del 2018 si preannunciano veramente esplosive. I “fratelli chimici” suoneranno sabato 16 giugno all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO)giovedì 19 luglio saranno sul palco del Rock in Roma, all’Ippodromo delle Capannelle, e venerdì 20 luglio all’Ippodromo SNAI- San Siro di Milano. I biglietti per i concerti di Bologna e Milano sono già in vendita sul circuito Vivaticket, con prezzi differenti: per l’Unipol Arena, quindi concerto del 16 giugno, il parterre costa 50 euro più i diritti di prevendita e altre eventuali commissioni, mentre le gradinate est e ovest costano 60 euro, a cui vanno sempre aggiunte le commissioni e di diritti di prevendita. I biglietti per il concerto dell’Ippodromo SNAI di Milano hanno un prezzo uguale, visto che c’è solo il posto unico in piedi, che costa 50 euro più diritti di prevendita e commissioni eventuali. I biglietti per la data del 19 luglio a Roma sono disponibili, invece, sul sito Ticket One, al prezzo di 50 euro più diritti di prevendita ed eventuali commissioni aggiuntive.

Un duo che si esibisce poco

Tom Rowlands e Ed Simons, The Chemical Brothers, sono sulla scena musicale internazionale da oltre vent’anni, il duo è nato, infatti nel 1994 con l’EP “Fourteenth Century Sky”, quando ancora si chiamavano Dust Brothers. I Chemical Brothers non sono un gruppo che si esibisce molto dal vivo ma ogni loro concerto è un’esperienza unica. Il loro suono ormai è entrato nella leggenda e la musica elettronica, con loro, è diventata un genere musicale al pari degli altriIn occasione dei due djset della scorsa estate, Ed Simons aveva parlato, in un’intervista a Rolling Stone, proprio dell’Italia e della gioia di suonare nel nostro Paese: «L’Italia ha una grande tradizione musicale: la disco, la cosmic music…ed è per questo che il pubblico italiano è molto sofisticato, non vuole solamente la cassa dritta». E poi, sempre sugli spettacoli dal vivo: «Durante i nostri show vogliamo stupire chi viene ad ascoltarci e lasciarci a nostra volta stupire, ci piace conoscerci l’un l’altro attraverso la musica. Noi veniamo dalla scena rave, dalla scena psichedelica, e questo lato sarà sempre quello principale nei nostri set. Tuttavia, quando facciamo i dj cerchiamo sempre di dare una forte impronta emotiva ai nostri set, non vogliamo fare solo musica “aggressiva” ma anche toccare tutte le corde dell’animo del nostro pubblico, mantenendo quello stesso atteggiamento che abbiamo nelle produzioni per portare dentro il set tutti i colori dei Chemical Brothers, da quelli più acid a quelli più romantici».

TAG: