Una bellezza à la Jack Sparrow: i trucchi del fascinoso pirata

Inserire immagine
Jack Sparrow, il mitico pirata interpretato da Johnny Depp nella saga I Pirati dei Caraibi in arrivo su Sky Cinema.

Mentre arriva l'intera saga dei Pirati dei Caraibi su Sky Cinema Disney Pirati dei Caraibi da lunedì 7 a domenica 13 gennaio), ecco tutti i vezzi beauty del pirata più celebre dello schermo, quello interpretato da Johnny Depp

di Camilla Sernagiotto

Non c’è donna che non custodisca nel proprio armadio, accanto ai doverosi scheletri, anche il ricordo di lui, l’eterno Principe Azzurro del mondo femminile, quello che azzurro lo è veramente, come il colore dello sfondo acquoso che gli fa da scenario romantico: il proverbiale “tipo del mare”.

Non esiste donna degna di questo gender che non si sia lasciata irretire dalle maglie strette dello charme al retrogusto di salsedine, abboccando a quel fascino che solo la location marittima riesce a conferire a un uomo. Qualsiasi Casanova che è stato tale da giugno a settembre in Liguria, per dire, se lo si incontrasse da novembre in poi a Milano passerebbe inosservato.

Sarà per l’abbronzatura, vera e propria muta di charme che l’estate dona ai maschi, sarà per l’effetto tonico e rassodante che lo sciabordio della battigia assicura, fatto sta che lo spauracchio estivo - secondo solo alla prova costume - deve essere proprio lui: il tipo del mare, quello per cui si arriva a fare sciocchezze madornali, tra un giro in pedalò e un’impepata di cozze seguita da un tuffo nel profondo blu (pure questa è una sciocchezza madornale a rischio congestione).

Il principe indiscusso di questa tipologia di chapeur è Jack Sparrow, il pirata che cavalca l’onda el successo, sia di mare sia televisiva: il mitico personaggio che fa capo alla saga marinaresca più celebre dello schermo, infatti, è l’archetipo del belloccio da spiaggia: abbronzato, con i capelli arruffati per via della salsedine e con quello stile un po’ trasandato che fa molto sexy sotto l’ombrellone.

Aspettando di goderci l’intera saga dei Pirati dei Caraibi, in arrivo su Sky Cinema, ecco i vezzi beauty che sono le cifre stilistiche di Sparrow: veri e propri tirabaci.

 

 
 

 

I baffi

Non c’è hipster che non alzi il pollice per approvare a pieno titolo i baffetti di Jack Sparrow. Ben lontani comunque dalla mania tricotica che arrovella gli hipster di cui sopra, la peluria sopra le labbra di Jack è un compromesso tra i manubri tipici dei motociclisti più riot e i baffettini aristocratici à la Poirot, per intenderci. Insomma: un’aurea mediocritas che di mediocre non ha proprio nulla, a dispetto del modo di dire latino. A fare da ciliegina sulla torta o, in questo caso, da mosca nella Sambuca (ossia il chicco di caffè con cui solitamente questo liquore viene servito, ndr) è appunto la mosca sotto-labiale.

 

 

 
 

 

Il pizzetto con treccine

La peluria di Sparrow non si esaurisce di certo con due baffetti e una mosca in croce. Molto interessante è anche il pizzetto, tenuto lungo e raccolto in due treccine con tanto di perline infilate a ornamento. Questo trick beauty incornicia ancor meglio lo splendido ovale del volto di Johnny Depp, la cui classica bellezza del viso rispetta pedissequamente il canone in voga ai tempi di Canova. Prendendo in prestito le parole di un altro grande classico della bellezza, con quelle treccine nel pizzetto Jack Sparrow è “bello, bello in modo assurdo”. Cit. Zoolander.

 

 
 

 

Dreadlock da rastafariano

Anche la zazzera di Sparrow sprizza personalità da ogni poro, in questo caso da ogni bulbo pilifero che risiede nel suo cuoio capelluto. La chioma arruffata di Jack fa parte del suo fascino da spirito indomito, donandogli un’allure assai rock o, meglio, reggae. Trattandosi di dreadlock, una delle caratteristiche estetiche precipue del Rastafarianesimo e della sua declinazione musicale (il reggae appunto), il personaggio interpretato da Johnny Depp si arricchisce di sfumature armoniche nonché armoniose sia con il suo aspetto sexy rude sia con il suo animo (l’attore è davvero un musicista, con una passione sfegatata per il rock ma anche una propensione naturale alle note più rastafari). Come nel caso delle treccine del pizzetto, anche nei dread si intrecciano monili, perline e decorazioni varie.

 

 
 

 

La bandana

Ma la vera perla che impreziosisce il look di Jack Sparrow è la bandana, per lui importante tanto quanto la bandiera nera con il teschio. Vero vessillo piratesco anch’essa, la bandana corona un personaggio il cui potere ipnotico va di pari passo alla sua affascinante simpatia. Non è certo l’unico ad averla scelta come segnale distintivo del potere: dal chitarrista dei Rolling Stones Keith Richards (al cui aspetto guarda molto quello di Sparrow, come dichiarato dallo stesso Depp) al mito del wrestling Hulk Hogan fino ad arrivare alla bandana tricolore sfoggiata al tavolo da poker da Max Pescatori (il pokerista italiano che si fa chiamare proprio “Il Pirata Italiano”), sono tanti i nomi illustri che si sono autoincoronati con la bandana. E non dimentichiamoci Silvio Berlusconi, che l’ha orgogliosamente sfoggiata in più occasioni rilanciandola come tormentone estivo di qualche anno fa.

Adesso che avete ben chiari tutti i trucchi di bellezza di cui si serve Jack Sparrow, se siete uomini potrete accoglierli nel vostro look per fare stragi di cuori in riva al mare mentre, se siete donne, potrete finalmente focalizzare i particolari che devono suonarvi come campanelli d’allarme.

Bandana + pizzetto con treccine + dreadlocks = sta arrivando il bellone di turno.

Che sulle spiagge italiane è più onnipresente del venditore di cocco.