Ferruccio Amendola, da De Niro a Stallone: i suoi doppiaggi più famosi

Cinema
©Ansa
ferruccio amendola

Nato nel 1930, il 22 luglio avrebbe compiuto 90 anni. È stato la voce inconfondibile di tantissimi grandi attori, tra cui anche Dustin Hoffman e Sylvester Stallone. Ecco una lista di alcune delle interpretazioni che ha reso ancora più leggendarie con il suo timbro vocale

Il 22 luglio Ferruccio Amendola avrebbe compiuto 90 anni. Attore, ma soprattutto doppiatore e direttore di doppiaggio, campo in cui è stato un maestro assoluto. Sono tantissimi i personaggi ai quali ha prestato la sua inconfondibile voce. Da Robert De Niro ad Al Pacino, passando per Dustin Hoffman e Sylvester Stallone, senza dimenticare Tomas Milian. Ecco una lista di alcuni dei più famosi doppiaggi, le cui memorabili battute sono ormai entrate nell’immaginario collettivo italiano grazie anche alla sua irripetibile voce.

Robert De Niro

approfondimento

Tutti pazzi per Robert De Niro

È d’obbligo cominciare con Robert De Niro, attore che nel nostro Paese è indissolubilmente legato alla voce doppiata da Ferruccio Amendola. Le sue scene cult sono infinite ma tra le più indimenticabili c'è quella allo specchio in Taxi Driver, film di Martin Scorsese del 1976. “Con chi stai parlando? Dici a me?”, è la battuta resa ancora più celebre in Italia grazie al doppiaggio di Amendola.

Amendola ha doppiato De Niro ininterrottamente, fino alla morte, avvenuta a Roma il 3 settembre 2001. I due si erano anche conosciuti. Sono innumerevoli le frasi dell’attore americano divenute celebri in Italia, sempre ricordate con la voce del doppiatore. Un’altra delle più famose è nel film “Gli intoccabili” di Brian De Palma, del 1987: “Sei solo chiacchiere e distintivo”.

Dustin Hoffman

approfondimento

I migliori film di Dustin Hoffman

Dustin Hoffman, altro attore, altra fisionomia, altri personaggi: ma la voce è sempre quella di Ferruccio Amendola. Anche in questo caso sono tantissimi i film dell’attore doppiati da Amendola. Ecco una scena di “Kramer contro Kramer” di Robert Benton del 1979.

Ed è proprio Hoffman che consegna ad Amendola una delle sfide più difficili, quella di doppiare Raymond Babbitt il protagonista autistico del film del 1988 “Rain Man – L’uomo della pioggia” di Barry Levinson. Si tratta di un personaggio diverso dagli altri che aveva doppiato, ma la sua voce riesce a cucirglisi addosso, pur restando inconfondibile.

Sylvester Stallone

approfondimento

Rocky, su Instagram il video di backstage mai visto prima

È raro che un unico doppiatore riesca a dare la voce a tanti attori di primo piano, ma la lista che riguarda Amendola sembra inesauribile. È ancora il suo timbro vocale che sentiamo nelle più famose interpretazioni di Sylvester Stallone. Curiosità: Amendola è la voce di “Rocky II”, “Rocky III”, “Rocky IV” e “Rocky V”, ma non del primo, doppiato invece da Gigi Proietti.

Se si pensa a Sylvester Stallone non si può che pensare a “Rambo”, il film del 1982 diretto da Ted Kotcheff, a cui seguiranno altri episodi. Anche in questo caso la voce è di Ferruccio Amendola.

Al Pacino

approfondimento

Al Pacino compie 82 anni. la carriera per un mito di Hollywood. FOTO

Tra i tantissimi attori che abbiamo sentito parlare con la voce di Amendola c’è poi Al Pacino. L’attore viene spesso doppiato da Giancarlo Giannini, ma è Amendola a mettere a segno i doppiaggi di alcuni dei film più importanti. È il caso de “Il Padrino”, la trilogia capolavoro firmata da Francis Ford Coppola a partire dal 1972.

Un altro film storico di Al Pacino è Scarface, di Brian de Palma. La pellicola è del 1983 e in sala doppiaggio c’è ancora Ferruccio Amendola.

Tomas Milian

leggi anche

Il cinema di Tomas Milian

Nella lunga lista di opere in cui risuona la voce di Amendola ci sono poi le interpretazioni dell’attore Tomás Quintín Rodríguez, meglio noto con lo pseudonimo di Tomas Milian. È Ferruccio Amendola la voce di Er Monnezza, il personaggio creato dallo sceneggiatore Dardano Sacchetti e dal regista Umberto Lenzi che fu interpretato da Tomas Milian.

Spettacolo: Per te