Nightmare, Jason Blum vuole il ritorno di Robert Englund come Freddy Krueger

Cinema

Camilla Sernagiotto

©Getty

Il fondatore di Blumhouse, Jason Blum, apre la strada a un grande ritorno, quello di Englund in un nuovo capitolo dell’epopea cinematografica dell’orrore intitolata “A Nightmare On Elm Street” (in italiano “Nightmare", il cui capostipite è stato "Nightmare - Dal profondo della notte” del 1984). "Potrei riportare indietro chiunque", ha affermato Blum, dicendo poi chiaramente "Potrei farlo tornare" in riferimento al mitico interprete originale di Freddy Krueger

Il fondatore della celebre casa di produzione cinematografica Blumhouse, Jason Blum, apre la strada a un grande ritorno, quello di Robert Englund nei panni di Freddy Krueger in un nuovo capitolo dell’epopea cinematografica dell’orrore intitolata A Nightmare On Elm Street (in italiano Nightmare, il cui capostipite era intitolato Nightmare - Dal profondo della notte).

"Potrei riportare indietro chiunque", ha affermato Blum, dicendo poi chiaramente "Potrei farlo tornare", in riferimento al mitico interprete originale del personaggio horror, quello dall’iconico maglione a righe rosse e nere.

Blum ha dichiarato fuori dai denti che non avrebbe problemi a convincere Robert Englund a riprendere il suo ruolo leggendario di Freddy Krueger in un nuovo film di A Nightmare On Elm Street, se lo volesse. Questo nonostante l'attore abbia precedentemente detto - altrettanto fuori dai denti - che un simile ritorno sarebbe improbabile.

Le parole del fondatore di Blumhouse

approfondimento

Netflix: "In Stranger Things 4 ci sarà anche... Freddy Krueger!"

"Potrei farlo tornare", ha detto Jason Blum al magazine statunitense Screen Rant in occasione di un’intervista uscita il 20 giugno. “Potrei riportare indietro chiunque. Voglio dire, Ellen Burstyn aveva 87 anni, l'ho riportata nel [prossimo sequel de] L'esorcista". E poi riferendosi all’attore Robert Englund, ha aggiunto: "Sì, 75 [anni] - è giovane”.

Blumhouse, storia di un mito

approfondimento

I 60 migliori cattivi della Storia del Cinema. FOTO

Blumhouse è uno degli studi cinematografici di maggior successo commerciale e di critica degli ultimi anni. Questa casa di produzione è attiva soprattutto nel genere dell'orrore, un filone di cui è diventata la massima incubatrice grazie a capolavori da brivido del calibro di Paranormal Activity, Insidious, The Purge, Get Out, Us, Halloween e The Invisible Man. Incubatrice quindi non soltanto di film dell'orrore ma incubatrice anche di incubi veri e propri…

Un nuovo film di Nightmare

approfondimento

10 tra i migliori film horror da vedere o rivedere a Halloween

Nel 2019 è uscita la notizia che chi detiene i diritti del creatore di Nightmare On Elm Street, ossia chi ha raccolto l'eredità del mitico Wes Craven (scomparso a Los Angeles il 30 agosto 2015) vorrebbe produrre un nuovo film e anche una serie televisiva, entrambi basati sul classico horror.
Come scrive il giornalista Matthew Neale sul magazine statunitense NME, gli eredi di Craven hanno rivendicato i diritti del film all'inizio del 2019. E secondo quanto riporta il sito web americano Bloody Disgusting, dopo l'acquisizione stavano esaminando le proposte sia per un remake di un film (probabilmente il primo, il capostipite) sia per uno show televisivo, che pare andrà in onda sul servizio di streaming HBO Max. Fino a oggi, il remake del 2010 di Samuel Bayer, anch'esso intitolato A Nightmare On Elm Street, rimane l'ultimo film del franchise.

Il primo film

approfondimento

The Midnight Man, l’horror con Robert Englund

Ricordiamo che Nightmare - Dal profondo della notte (A Nightmare on Elm Street) è uscito nel 1984, scritto e diretto da Wes Craven, con protagonista l’attrice Heather Langenkamp.

È il primo capitolo di una lunga saga di film diretti da registi diversi e ha lanciato nell'immaginario dell'orrore il personaggio del serial killer per antonomasia: Freddy Krueger.
Nel 2021 la pellicola è stata scelta per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti in quanto "culturalmente storico e significativo".

L’omaggio a Freddy Krueger da parte di Stranger Things

Recentemente la serie televisiva cult Stranger Things ha reso omaggio a Nightmare in un episodio della nuova stagione dello show, la quarta.
Il produttore esecutivo e regista Shawn Levy ha parlato della scelta di Robert Englund per il ruolo di Victor Creel nel punto di svolta della nuova stagione della serie Netflix.
"C'è un primo piano di [Creel] che si gratta le unghie sulla scrivania nella sua cella", ha detto Levy al magazine americano Entertainment Weekly parlando della prima scena tra Victor, Nancy e Robin, accennando alle lame di metallo di Krueger attaccate alle sue dita.

Robert Englund

approfondimento

Robert Englund, l’intervista: “The Midnight Man, cattivo da incubo”

Englund è l’attore che ha interpretato Freddy Krueger nel primo film del 1984 e poi in altri sette capitoli dell’epopea horror.

Dopo Nightmare - Dal profondo della notte di Wes Craven, compare in Nightmare 2 - La rivincita (A Nightmare on Elm Street 2: Freddy's Revenge) di Jack Sholder (1985); in Nightmare 3 - I guerrieri del sogno (A Nightmare on Elm Street 3: Dream Warriors) di Chuck Russell (1987); Nightmare 4 - Il non risveglio (A Nightmare on Elm Street 4: The Dream Master as Alice Johnson) di Renny Harlin (1988); Nightmare 5 - Il mito (A Nightmare on Elm Street 5: The Dream Child as Alice Johnson) di Stephen Hopkins (1989); Nightmare 6 - La fine (Freddy's Dead: The Final Nightmare)  di Rachel Talalay (1991).
Nel 1995 è stato diretto per una seconda volta dal maestro dell'horror Wes Craven sul set di Nightmare - Nuovo incubo (Wes Craven's New Nightmare). Nel 2003 riprende i panni a righe rosso (sangue) e nero nel film Freddy vs. Jason, per la regia di Ronny Yu. Oltre ad aver partecipato alla serie cinematografica intitolata all'incubo peggiore del cinema, Robert Englund ha preso parte a tantissimi altri film horror.

Spettacolo: Per te