Troy Kostur, il premio Oscar per CODA recita scene iconiche con il linguaggio dei segni

Cinema

Camilla Sernagiotto

©Getty

La star del film “CODA - I segni del cuore” (pellicola a cui sono andati tre Oscar: per il miglior film, la migliore sceneggiatura non originale e il miglior attore non protagonista) ha ricreato le scene delle pellicole più iconiche del cinema servendosi della lingua dei segni. L’ha fatto per Variety, che ha pubblicato in un video tutte le meravigliose interpretazioni sui generis dell’attore non udente

Troy Kotsur, premio Oscar per la sua interpretazione nel film “CODA - I segni del cuore” (che ha vinto tre premi Oscar: quello per il miglior film, la migliore sceneggiatura non originale e miglior attore non protagonista) ha offerto tante interpretazioni di pellicole cult interpretate con la lingua dei segni.

L’ha fatto per il magazine statunitense Variety, che ha pubblicato in un video tutte le fantastiche interpretazioni sui generis dell’attore non udente.
Il video pubblicato sui canali social della rivista con il titolo di “As Interpreted By... Troy Kotsur” mostra l'attore interpretare scene iconiche da capolavori come "Il Padrino", "Star Wars", "Lo squalo" e "Il laureato”.


“Il premio Oscar Troy Kotsur è un uomo dai molti talenti. Ma soprattutto è un amante del cinema e di tutto il suo infinito splendore”, scrive Clayton Davis nel suo articolo pubblicato su Variety.

Discutendo della sua storica vittoria come miglior attore non protagonista (è diventato il primo interprete non utente ad aggiudicarsi l'Oscar), l'attore ha usato la lingua dei segni americana (ASL) per interpretare alcune delle battute più iconiche del grande schermo. Il risultato è stato talmente entusiasmante che Variety ha deciso di creare un video.  

Da notare è come Kotsur l'abbia fatto appana dodici ore dopo aver ricevuto la prestigiosa statuetta, dopo soltanto un'ora di sonno (e ci immaginiamo come può essere stato il riposo, dopo un entusiasmo come quello del ricevere un Oscar). Questo a riprova del fatto che Kotsur è un talento di quelli incredibili, come lo stesso giornalista di Variety che ha presentato il video citazionale ha chiosato.


Nella clip c'è la citazione de "Il Padrino" (1972) di Francis Ford Coppola: Troy Kotsur interpreta con la lingua dei segni la frase di Vito Corleone (impersonato dal grande Marlon Brando): "Gli farò un'offerta che non può rifiutare”. C'’è anche “Mrs. Robinson, sta cercando di sedurmi” di Benjamin Braddock (interpretato da Dustin Hoffman) ne “Il laureato” (1967) di Mike Nichols.

C’è pure "Avrai bisogno di una barca più grande" detta da Brody (interpretato da Roy Scheider) ne "Lo squalo" (1975) di Steven Spielberg.
E anche il mitico “Io sono tuo padre” di Darth Vader (doppiato da James Earl Jones) in "Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back" (1980) di Irvin Kershner.

Poi "Il mio nome è Bond... James Bond”, di James Bond alias 007 (interpretato da Sean Connery).
E c'è anche un gustoso bonus, una citazione irriverente di Kim Kardashian...


Potete guardare il video in cui Troy Kostur recita nelle scene più leggendarie del cinema con il linguaggio dei segni nella clip che trovate in fondo a questo articolo.

Le citazioni dei film fatte da Troy Kostur con il linguaggio dei segni

approfondimento

Oscar 2022, il discorso di Troy Kotsur miglior attore non protagonista

Kotsur era il presunto favorito per l'Oscar, dopo aver vinto i premi BAFTA, Critics Choice e SAG. La sua interpretazione di un padre non udente, la cui figlia Ruby - una CODA (figlia di adulti non udenti), interpretata da Emilia Jones - fatica a decidere se seguire la passione per la musica oppure se restare a casa ad aiutare la famiglia con l'attività di pesca è il fulcro della pellicola.

“CODA - I segni del cuore” è diretto da Siân Heder ed è interpretato anche da Marlee Matlin, Daniel Durant ed Eugenio Derbez.

Per quanto riguarda il video di Variety in cui Troy Kostur offre leggendarie interpretazioni servendosi del linguaggio dei segni, ecco la lista di tutti i personaggi e delle frasi che interpreta:

- Vito Corleone (interpretato da Marlon Brando) ne "Il Padrino" (1972) di Francis Ford Coppola: "Gli farò un'offerta che non può rifiutare”;

- Benjamin Braddock (interpretato da Dustin Hoffman) ne “Il laureato” (1967) di Mike Nichols: “Mrs. Robinson, sta cercando di sedurmi”;

- Brody (interpretato da Roy Scheider) ne "Lo squalo" (1975) di Steven Spielberg: "Avrai bisogno di una barca più grande".

- Darth Vader (doppiato da James Earl Jones) in "Star Wars Episode V: The Empire Strikes Back" (1980) di Irvin Kershner - “Io sono tuo padre”;

- Il colonnello Nathan R. Jessep (interpretato da Jack Nicholson) in "Codice d'onore " (1992) di Rob Reiner: “Tu non puoi reggere la verità".

- James Bond alias 007 (interpretato da Sean Connery) – "Il mio nome è Bond... James Bond".

Come bonus, ci ha offerto la celebre battuta di Kim Kardashian: "Alza il cu*o e lavora”.

Di seguito trovate il video in cui Troy Kostur recita le scene iconiche del cinema con il linguaggio dei segni.

Spettacolo: Per te