Ucraina, European Film Academy a registi a rischio: "Vi aiuteremo"

Cinema
efa-black

Matthijs Wouter Knol, direttore della European Film Academy (EFA), ha espresso la solidarietà degli oltre 4.000 membri dell'EFA e del suo consiglio a tutto il popolo ucraino, compresi i 61 membri dell'EFA

L'assalto delle forze russe ai danni dell'Ucraina ha spinto anche la European Film Academy (EFA) a contattare i suoi membri in Ucraina,  promettendo loro pieno sostegno in queste momento drammatico per il loro Paese. 

"Stiamo esaminando i modi in cui possiamo fornire supporto pratico ai membri, attraverso la nostra associazione con organizzazioni vicine sul campo in termini di confini", ha detto a Deadline il presidente dell'EFA Mike Downey. "Man mano che la situazione si evolve, stiamo cercando di scoprire quale aiuto potrebbe essere necessario e a quel punto possiamo reagire". In particolare si fa riferimento a registi, autori particolarmente vulnerabili dell'industria cinematografica e televisiva che potrebbero aver bisogno di aiuto per lasciare il paese. 

"Ci sono chiaramente un certo numero di singoli artisti che sono stati apertamente critici nei confronti del regime russo, quindi se questa si rivela essere un'occupazione a pieno titolo, le loro vite saranno più in pericolo di quanto non lo siano già”, ha osservato Downey. In Polonia, che condivide un confine significativo con l'Ucraina, l'associazione dei produttori locali si riunirà domani per discutere di come potrebbe essere in grado di aiutare i registi ucraini.

approfondimento

Ucraina, Sala: “Gergiev condanni o salta collaborazione con la Scala”

Ci sono più di 60 membri ucraini dell'EFA, i quali hanno tutti ricevuto una corrispondenza personalizzata co-firmata da Downey, dalla regista polacca Agnieszka Holland e dal regista dell'EFA Matthijs Wouter Knol che esprimono "solidarieta'" per la loro situazione. L'EFA ha una riunione del consiglio la prossima settimana in cui l'argomento sara' ulteriormente discusso.

"Ci rendiamo conto che l'attuale aumento quotidiano della tensione deve avere un impatto sulla tua vita e salute, morale e lavoro creativo", si legge nella lettera mandata ai colleghi ucraini. "Sei uno dei nostri stimati membri. Ti assicuriamo che

siamo al tuo fianco, supportando il tuo lavoro nel miglior modo possibile".

Spettacolo: Per te