The Last Guardian, un film tratto dal videogioco

Cinema

Le avventure del piccolo monaco e di Trico arriveranno sul grande schermo. Dopo “Uncharted”, un nuovo titolo pronto a passare dalle console al cinema nei prossimi anni 

Il passaggio dai videogiochi al cinema non è di certo una novità. Sono svariati gli esempi di titoli da console divenuti cult che, negli anni, hanno trovato spazio sul grande schermo. Basti pensare a “Tomb Raider”, che nel tempo ha avuto come interpreti Angelina Jolie e Alicia Vikander. I fan del mondo videoludico attendono con ansia “Uncharted”, pellicola action dedicata alla celebre saga di Naughty Dog. Il protagonista sarà Tom Holland, in una versione giovanile di Nathan Drake, come mostrato nel quarto capitolo del gioco.

La lista è alquanto lunga e non fa che ampliarsi. Pare infatti che la Sony sia intenzionata a sviluppare un film basato su uno dei giochi più popolari del proprio catalogo. Stando a quanto riportato da Daniel Richtman, si tratterebbe di “The Last Guardian”. Allo stato attuale la produzione risulta ben lontana dall’essere avviata. Lo script sarebbe però in fase di scrittura. Un compito affidato a Max Borenstein, autore della sceneggiatura di “Godzilla e Kong: Skull Island”.

Stando alle ultime news in circolazione, la Sony sarebbe pronta a far partire i casting. La produzione è alla ricerca di quattro attori per quelli che sono i ruoli chiave della pellicola. Tra questi, ovviamente, spazio per un giovane attore, che andrà a interpretare il piccolo protagonista della pellicola. Nello specifico si cerca un dodicenne che possa interpretare il piccolo orfano, particolarmente coraggioso, che fa amicizia con Trico, la creatura alata che i fan adorano. Ecco dunque i primi due ruoli per i quali si è alla ricerca dei giusti intrepreti. A loro si aggiungono gli attori che interpreteranno Ariana e Ueda. I due sono marito e moglie e cercano la figlia scomparsa, Mono. Per i ruoli si è alla ricerca di un’attrice di circa 27 anni e un attore tra i 30 e i 39 anni.

The Last Guardian, la trama

approfondimento

Al Bano vs Dinos, il videogioco che nasce dalla gaffe sui dinosauri

Il gioco si apre con la voce narrante del protagonista, ormai divenuto adulto, che guarda al passato e racconta le avventure vissute al fianco della mitica creatura Trico, quando era soltanto un ragazzino.

Il piccolo monaco riprende conoscenza all’interno di una caverna. Non ha la minima idea del perché si trovi lì e nota alcuni tatuaggi misteriosi sulla sua pelle. Al suo fianco c’è un’enorme creatura dalle strane fattezze, che il piccolo chiama Trico, ricordando il racconto di un anziano del suo villaggio. La leggenda spiegava come fossero creature mangia uomini terrificanti. Il piccolo però nota come sia agonizzante, trafitto da alcune lance e legato al collo.

Il buon cuore del protagonista lo spinge a tentare di aiutare Trico, indifferente prima e pericoloso poi, quando il dolore per la lancia estratta lo porta a colpire il monaco. Questi però non si arrende e tenta di aiutarlo in ogni modo possibile. I due inizieranno a legare e si avvierà una grande avventura, che li vedrà l’uno al fianco dell’altro, in un videogioco che ha commosso il pubblico e la critica.

Spettacolo: Per te