Queen Latifah compie 50 anni: i migliori film con l'attrice

Cantante e attrice di successo, ecco i migliori film di Queen Latifah. Pellicole in genere drammatiche, che le sono valse la fama

Nata Dana Elaine Owens, Queen Latifah è una cantante (è considerata la regina del jazz rap, e la pioniera del femminismo nel genere hip hop) e un’attrice, con all’attivo un Grammy Award, un Golden Globe, tre Screen Actors Guild Award, due Critics' Choice Awards e un Emmy Award come produttrice.

Ecco quali sono i suoi film più famosi.

“Beauty Shop” (2005)

Diretto da Bille Woodruff, “Beauty Shop” racconta le vicende di Geena (Queen Latifah), una parrucchiera che - licenziatasi per via del suo datore di lavoro egocentrico - apre un suo beauty shop.

Quando salva i capelli di una famosa deejay, quel negozio nel cuore del ghetto diventerà decisamente importante.

“Chicago” (2002)

Ambientato nella Chicago degli anni Venti, “Chicago” vale a Queen Latifah il Critics’ Choice Award.

Roxie Hart (Renée Zellweger) è un’artista all’apparenza ingenua che sogna di emergere con il canto e con la danza. Il suo sogno è quello di ripercorrere i passi della celebre Velma Kelly (Catherine Zeta-Jones), ma lo vedrà avverarsi nel modo più inimmaginabile: le due si troveranno infatti in prigione, entrambe accusate di omicidio. Ad aiutare Roxie sarà Matron Morton (Queen Latifah), la sorvegliante della prigione.

“Hairspray – Grasso è bello” (2007)

Diretto da Adam Shankman ed estratto dall'omonimo musical di Broadway, “Hairspray – Grasso è bello” racconta la storia di Tracy Turnblad (Nikky Blonsky), un’adolescente amante della vita e della danza, che sogna di partecipare allo spettacolo della tv locale “Corny Collins Show”.

Queen Latifah è Maybelle, una professionista che lavora allo show organizzando il cast dei ragazzi di colore.

“Jungle Fever” (1991)

Diretto da Spike Lee, “Jungle Fever” è dedicato al giovane afro-americano Yusef Hawkins, ucciso nel 1990.

Flipper Purify è un giovane e talentuoso architetto di colore, che vive con la moglie mulatta e con la figlioletta di nove anni. La sua vita cambia quando nello studio viene assunta una segretaria bianca, decisione che all’inizio non lo trova d’accordo ma che - ben presto - diventa l’origine di una tormentata love story, contrastata della famiglie d’origine e minata dalle differenze.

“La vita segreta delle api” (2008)

Diretto da Gina Prince-Bythewood, “La vita segreta degli api” è l’adattamento dell'omonimo romanzo di Sue Monk Kidd.

La 14enne Lily Owens vive in una fattoria con il burbero e anaffettivo padre. La sua vita è segnata da un dramma: da bambina, ha sparato accidentalmente alla madre uccidendola. La sua unica amica è Rosaleen, la governante di colore. Insieme le due decidono di scappare, per saperne di più sulla mamma di Lily: raggiungono così la fattoria di tre sorelle (una interpretata proprio da Queen Latifah), proprietarie di una fiorente attività di apicoltura e devote alla Madonna Nera.