Richard Jewell, la trama del film

Al cinema dal 16 gennaio 2020 il nuovo film di Clint Eastwood, Richard Jewell, tratto da una storia vera

Il 16 gennaio 2020 giunge al cinema il nuovo film di Clint Eastwood, Richard Jewell. Pellicola drammatica della durata di 129 minuti, che vanta un cast particolarmente ricco, da Sam Rockwell a Olivia Wilde, da Jon Hamm a Kathy Bates. Protagonista del film è Paul Walter Hauser, noto per aver interpretato il ruolo di Shawn Eckhardt nel film da Oscar Tonya, con Margot Robbie.

Richard Jewell, la trama

Una nuova produzione di Clint Eastwood che affonda le radici in una storia reale. Il titolo è il nome della guardia giurata che nel 1996 divenne un eroe mondiale durante i giochi olimpici di Atlanta. Molte le vite salvate quel giorno da colui che poteva facilmente essere identificato come un uomo qualunque, un “signor nessuno”. Non di certo l’immagine dell’eroe, almeno cinematograficamente parlando.

Fu lui a individuare per primo la bomba piazzata a Centennial Park, consentendo di evacuare rapidamente tutti i presenti nel parco in Georgia, evitando perdite di vite. In breve tempo però l’FBI lo trasforma da eroe a primo sospettato. Jewell si ritrova così a fronteggiare un processo principalmente mediatico. Viene infatti divorato dalla stampa, che lo dipinge come un mostro. La sua vita viene fatta a pezzi e così, per dimostrare la propria innocenza, l’uomo decide di affidarsi a Watson Bryant, interpretato da Sam Rockwell. Un avvocato anti-establishment che si ritrova nella causa più grande della sua vita, ben al di sopra delle sue possibilità. La vicenda però gli sta a cuore e decide di fare il possibile per ripulire il nome del suo cliente.

Al loro fianco vi sono Kathy Bates, che interpreta il ruolo di Bobi Jewell, madre di Richard, Jon Hamm, ovvero il capo della squadra investigativa dell’FBI, e Olivia Wilde, che interpreta Kathy Scruggs, giornalista del principale quotidiano di Atalanta.

Richard Jewell, cosa sapere

Si tratta del 38esimo film diretto da Clint Eastwood, che decide di fare un salto negli anni ’90 per raccontare una storia realmente accaduta. Nel 1996, durante le Olimpiadi di Atlanta, Richard Jewell individuò uno zaino contenente degli esplosivi rudimentali. Un semplice addetto alla sicurezza per l’AT&T che rapidamente divenne un eroe nazionale, per poi subire gli effetti della gogna mediatica, una volta divenuto un sospettato.

Una storia raccontata svariate volte su carta, che nel 2014 Leonardo DiCaprio e Jonah Hill hanno deciso di portare sul grande schermo, lavorando come produttori. Inizialmente era loro idea quella di entrare anche a far parte del cast, con la sedia da regista affidata a Paul Greengrass e il compito di lavorare alla sceneggiatura a Billy Ray. I primi contatti con Eastwood risalgono invece al 2015, con il regista che decide di dedicarsi ad altri progetti, per poi accettare la proposta nel 2019. La produzione ha avuto inizio nella scorsa primavera, il che sottolinea come girato e montato vantino dei tempi record. Il film è stato infatti presentato alla fine di novembre all’AFI Feest. Negli Stati Uniti è stato accolto con alcune riserve, criticato per l’immagine data di polizia ed FBI che, seguendo il film, avrebbero condotto indagini grossolane. Al tempo stesso in molti hanno avuto da ridire anche sulla caratterizzazione di Kathy Scruggs, disposta a tutto pur di ottenere notizie in esclusiva.