X-Men: Dark Phoenix: la data di uscita in Italia

X-Men: Dark Phoenix, il nuovo capitolo della seguitissima saga dei giovani talenti di Chales Xavier torna al cinema. In sala, in Italia, a partire dal 6 giugno 2019

X-Men: Dark Phoenix è il nuovo capitolo tratto dalla celebre saga fumettistica Marvel. Diretto da Simon Kinberg, è un action particolarmente atteso dai fan, che sperano un giorno di poter veder confluire questo universo narrativo in quello ben più ampio creato dai Marvel Studios. Intanto arriva nelle sale uno degli archi narrativi più apprezzati dai lettori dei fumetti degli X-Men, quella dedicata alla Fenice, a partire dal 6 giugno 2019.

X-Men: Dark Phoenix, trama

Di tempo ne è trascorso dall’ultimo incontro con i giovani dotati di Chales Xavier, che sono riusciti a costruire qualcosa di grandioso dopo la dura battaglia contro Apocalisse. Ora sono un gruppo vero, collaudato grazie ai duri allenamenti studiati da Bestia. È ovviamente il professor X a guidarne le gesta, nel tentativo di sfruttare i loro poteri per rendere il mondo un posto sicuro. Spingersi sempre oltre però può condurre i protagonisti a correre dei rischi eccessivi, come accaduto a Jean Grey.

Chiunque sia appassionato delle storie degli X-Men sa bene che il suo potere è quasi immenso. Il potenziale è enorme e va ben oltre il fatto d’essere una telepate. La giovane si ritrova però a dover gestire dei poteri psichici che superano le sue capacità di controllo. Prendono possesso della sua mente, mutandola in qualche modo e trasformandola a tutti gli effetti nella temuta Fenice Nera. Il tutto avviene durante una missione nello spazio, con Jean che viene coinvolta in un incidente che potrebbe cambiare il corso della storia. È un’adolescente e pertanto impulsiva. Ciò che inizialmente sembra però una fase di passaggio normale si tramuta in ben altro, con gesti che mettono a repentaglio la vita dei suoi compagni e dell’umanità intera. Terrorizzata dall’immane potere e non in grado di comprendere fino in fondo cosa stia accadendo, Jean Grey si allontana dagli X-Men, che provano in qualche modo a contenerla. Si ritrova così a essere preda di un alieno mutaforma, che tenta di sfruttare la situazione a proprio vantaggio. La incita a rendersi indipendente, a liberare il proprio potere, imponendosi come donna più potente al mondo, contro una società di uomini che intende dirle cosa essere. La convince dunque ad assumere l’identità di Fenice.

X-Men: Dark Phoenix, curiosità

Sono anni ormai che il pubblico appassionato degli X-Men attendeva una storia interamente dedicata a questa saga. Non sono di certo mancati gli indizi in tal senso, con segnali sparsi un po’ ovunque, a partire dai primi anni Duemila. Nel 2003, in X-Men 2, gli autori lasciano ipotizzare che i poteri sfruttati da Jean, sacrificatasi per salvare i propri compagni, derivino proprio dalla Fenice. Nel 2006 invece, in Conflitto finale, è possibile vedere il personaggio, interpretato allora da Famke Janssen, presentare una doppia personalità. Tutto lasciava intendere che prima o poi la questione sarebbe stata affrontata in maniera diretta. Ecco dunque X-Men: Apocalisse del 2016, quando la nuova Jean Grey viene spinta da Xavier a liberare tutto il proprio potenziale. Attorno a lei si scatena così un’aura potentissima, i cui contorni richiamano quelli della Fenice.

Eccoci dunque giunti al capitolo tanto atteso, con Sophie Turner che ha spiegato d’aver voluto proporre la propria versione del personaggio. Conosce molto bene la saga, considerando come i suoi fratelli ne fossero ossessionati da giovani. Lei l’aveva letta e, studiando la sceneggiatura, ha voluto offrire un’interpretazione personale. Un passaggio delicato, da personaggio di supporto in una produzione corale a protagonista. Un po’ come accaduto in Game of Thrones, con Sansa che ha conquistato sempre più spazio e importanza. Ora il pubblico attende con ansia di vederla spiccare il volo, liberandosi del peso della serie HBO, proseguendo una carriera di successo al cinema.