Sulle ali delle aquile, la fede è più forte di tutto

Joseph Fiennes in Sulle ali delle aquile
Joseph Fiennes in Sulle ali delle aquile

Venerdì 22 febbraio va in onda in prima tv su Sky Cinema Uno il film che racconta della vita di Eric Liddel, già protagonista in Momenti di gloria, dopo la vittoria alle Olimpiadi del 1924, quando decide di partire per la Cina come missionario, ma finisce prigioniero dei giapponesi.

Momenti di gloria, memorabile film del 1981 di Hugh Hudson, narrava la storia dei due corridori britannici Eric Liddel e Harold Abrahams, che vinsero ognuno una medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1924. Riprende le vicende del primo, balzato agli onori delle cronache perché, fervente cristiano, si era rifiutato di prendere parte a una gara di domenica, Sulle ali delle aquile, pellicola di Stephen Shin e Michael Parker in prima visione tv venerdì 22 febbraio alle 21.15 su Sky Cinema Uno.


Il film riprende proprio da dopo le Olimpiadi in questione, raccontando come, dopo quel trionfo, Eric Liddel abbia abbandonato lo sport per dedicarsi alla fede, partendo come missionario assieme alla moglie e ai figli per diffondere i valori cristiani in Cina, dove peraltro era nato da genitori missionari protestanti.


Qui rimane anche nel 1937, quando il Giappone invade il paese. Dopo aver mandato la famiglia al sicuro in Canada, Liddel viene fatto prigioniero come tutti gli stranieri in Cina e viene rinchiuso in un campo di prigionia, dove la vita quotidiana è durissima.


Struggente storia vera che rinforza il mito di Liddel su grande schermo, Sulle ali delle aquile può vantare un attore protagonista d’eccezione come l’attore britannico Joseph Fiennes, noto per i suoi ruoli in film come Shakespeare in Love e serie tv come The Handmaid’s Tale.